Grillo BersaniDemetra Sondaggi ha diffuso i risultati di una ricerca in cui il 55% dell’elettorato vorrebbe che Pd e Grillo si unissero ‘in matrimonio’, mentre  il 40,2% ritiene giusta la decisione del M5S di non siglare accordi con il premier incaricato Bersani. Per la nascita di un nuovo governo dobbiamo sperare in un accordo tra le 4 forze in gioco, ma non è detto ciò avvenga. Accordi forzati? Senza ascoltarsi? Senza un minimo dialogo sindacale?.

E’ difficile valutare la situazione politica attuale, osservare però le statistiche degli istituti di ricerca può essere utile per capire meglio a cosa potremmo andare incontro.

Scelta Civica di Mario Monti,  9% di calo. Euromedia e Ipsos lo classificano al 9,5%, con recupero al 7.3 % di Lorien.La coalizione composta da Udc, Fli e Scelta civica, che alle urne ha toccato il 10,5, oggi è ad 8,8. Anche Ingroia, se andassimo al voto cadrebbe, inevitabilmente nell’assoluto anonimato. Veniamo al ‘giaguaro’ che doveva essere smacchiato: 5 sondaggi su 10 segnalano Bersani in ritardo alla camera, solo tre sondaggi indicano un leggere vantaggio per il centrosinistra. Euromedia, Tecnè, Swg, Lorien, Istituto Pepoli e Ipsos danno informazione di un distacco tra centrodestra e centrosinistra dai 2 ai 2,4 punti. Il dato ufficiale, comunque, è che alle politiche di un mese fa il centrosinistra si è imposto per 4 decimi di punto percentuale sul centrodestra (29,5 a 29,1%).

[smartads]IL NODO – Il partito di Grillo, se si ritornasse al voto oggi, salirebbe in media al 26,7%. I Democratici si fermerebbero al 26,4% . Per essere precisi il M5S oscilla tra il 24,5% segnalato da Ipr Marketing (sondaggio diffuso il 20 marzo durante la trasmissione di Raiuno Porta a Porta) e il 29,3% segnalato da Lorien Consulting (dati resi noti dall’autore il 16 marzo). Il Pd si muove, invece, dal 24,5% indicato da Ipr ed Euromedia,  E il 18,7 di Lorien. Il Pdl, infine, varia dal 21,9% di Ipsos, al 24,7 di Tecnè.

Il destino dell’Italia, al di là dei dati statistici, dipende dalla volontà di ognuno di noi, cittadini italiani, politici e non.

Stefania Bonamassa