Enrico Landi Incidente viale Masini BolognaIntorno alla mezzanotte, tra domenica 24 e lunedì 25 marzo, in Viale Masini, di fronte all’autostazione, Enrico Landi è stato investito e ucciso mentre attraversava la strada.

Il 28enne originario di Senigallia abitava a Bologna, dove si era appena diplomato al Conservatorio ‘G. B. Martini’, dopo aver frequentato il ‘G. Frescobaldi’ di Ferrara. Scout, musicista, insegnante di musica al Musikè e in parrocchia, attivo nel volontariato, suonava la chitarra, classica e acustica, era piuttosto conosciuto nelle Marche, dove faceva parte di alcuni gruppi jazz.

Il conducente della Golf che lo ha travolto potrebbe essere accusato di omicidio colposo. M. M., di 28 anni, residente a Bologna, è risultato negativo all’alcoltest; nei prossimi giorni si avrà il responso degli esami tossicologici per escludere o meno la presenza di droghe. Le cause dell’incidente sono ancora in fase di accertamento.

Nel frattempo, sul social network Facebook si moltiplicano i commenti di amici e conoscenti; i familiari, dal profilo di Enrico, scrivono: “Grazie a tutti per la vicinanza. Appena sappiamo qualcosa in più anche noi faremo sapere giorno e ora per stare ancora un po’ vicini al nostro Enrico. Alessandra Giacomo Giulia Riccardo”. Quasi certamente, i funerali si terranno giovedì, a Senigallia, nella Chiesa di san Martino.