Da giovedì 21 febbraio tornerà la neve in Emilia-Romagna e in tutto il Nord Italia fino all’inizio del week-end, anche in pianura; a causare questa nuova ondata di maltempo è l’arrivo di un duplice afflusso di correnti fredde di provenienza scandinava e atlantica.

L’Orso Siberiano, così è stato denominato il fenomeno, porterà un brusco abbassamento delle temperature, anche superiore a 5 gradi.
[smartads]

La perturbazione è arrivata oggi portando i primi venti freddi, calo delle temperature e le prime deboli nevicate nell’appennino Ligure e Tosco-Emiliano, poi via via in tarda serata e notte si estenderà su Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna occidentale e Veneto con nevicate deboli e in zone discontinue. Le precipitazioni si protrarranno fino a sabato, quando arriverà una nuova perturbazione da Sud-Ovest estesa con deboli nevicate.

Questa dovrebbe essere l’ultima fase dell’inverno, in genere più dinamica, quella che poi fa arrivo la primavera.

Martina Tessari