Mancano meno di 4 ore al big match tra Milan e Barcellona, quello che può cambiare una stagione intera. L’ ultimo a parlare, in casa rossonera, è stato il tecnico Massimiliano Allegri, che ha decisamente minimizzato il dialogo avuto con Silvio Berlusconi. Al centro della chiacchierata ci sarebbero stati i consigli, portati dal presidente, sulla miglior formazione possibile da schierare, con un attacco a due punte e una marcatura a uomo su Messi.

Allegri, come detto, ha dato poco peso all’accaduto, dichiarando di sentirsi molto spesso con Berlusconi, e di ascoltare le sue idee, ma che alla fine è ovviamente il tecnico a dover scegliere i giocatori e le strategie adatte a fronteggiare l’avversario. Nello specifico, il Milan dovrebbe schierare un attacco a tre elementi, con El Sharaawy sempre più probabile titolare. Il reparto difensivo dovrebbe essere formato, invece, dai centrali Mexes e Zapata e dagli esterni Abate e Constant. Qualche dubbio è presente a centrocampo, in merito al ruolo di  Boateng, che dovrebbe comunque essere schierato come mezz’ala e non come trequartista.

Riccardo Rollo