ROMA, 19 FEBBRAIO – La vittoria sulla Juventus nell’ultimo turno di campionato ha fatto tornare il sereno in casa Roma. Un successo griffato Francesco Totti, il Capitano, la bandiera giallorossa, oggi più che mai: un missile spaventoso che ha permesso di stendere la Vecchia Signora all’Olimpico dopo 9 anni di digiuno (ultima vittoria in casa nella stagione 2003/2004). Certo, una rondine non fa primavera, ma aver colto il primo successo del 2013 ai danni di una rivale storica potrebbe essere da sprono da qui in avanti. Per la Roma finire il campionato in una posizione dignitosa (Europa League almeno) significherebbe programmare con maggiore serenità la prossima stagione, che vedrà un nuovo timoniere alla guida. Aurelio Andreazzoli, infatti, rappresenta il presente fino a giugno, ma il futuro appartiene a qualcun altro. Tanti i nomi che circolano in questi giorni: da Blanc ad Ancelotti, passando per Mazzarri. Ma da questa mattina un nome nuovo arricchisce la lista dei pretendenti alla panchina capitolina: Roberto Mancini.

[smartads]

La bomba di mercato arriva direttamente dall’oltremanica, dove stando a quanto scrive il Daily Telegraph, Roberto Mancini sarebbe pronto a tornare in Italia la prossima stagione. La proprietà del Manchester City, infatti, non sarebbe per nulla soddisfatta dall’attuale stagione (fuori subito dalla Champions e lontani 12 punti dallo United in Premier) ed è assai probabile che a fine campionato, con ‘zeru tituli’ in bacheca, decida di cambiare la guida tecnica. Da qui l’ipotesi che il Mancio faccia ritorno nel Belpaese per sedere proprio sulla panchina della Roma. Proprio due settimane fa l’allenatore è stato a Genova per assistere dal vivo al match tra Sampdoria e Roma al “Ferraris”. Un ipotesi affascinante, che intriga parecchio la dirigenza giallorossa. Per il tecnico jesino si tratterebbe di un ritorno nella Capitale, un ritorno davvero clamoroso se si considerano i suoi trascorsi, sia da giocatore che da allenatore, nella Lazio.

Una soluzione che la proprietà americana sta vagliando seriamente: Mancini rappresenta il profilo dell’allenatore ideale su cui imbastire un progetto tecnico serio, che punti subito al successo. A dire il vero il termine ‘progetto’ non è ben visto dalla tifoseria giallorossa, a maggior ragione dopo i fallimenti targati Luis Enrique e Zeman. Ma il nome di Mancini sembra quello giusto su cui puntare, tanto che , qualora l’attuale manager dei Citizens venisse esonerato a fine stagione, l’offerta giallorossa sarebbe già pronta: contratto pluriennale da più di 5 milioni a stagione. L’ex tecnico di Fiorentina, Lazio e Inter, tartassato dalle voci riguardanti il suo futuro, ha avuto un sussulto d’orgoglio: “Negli ultimi 15 mesi sono stato il miglior manager in Inghilterra, ho vinto prima la Fa Cup e lo scorso anno la Premier League. Nessuno ha fatto meglio di me”. Una rivendicazione più che legittima dei successi ottenuti sulla panchina del City, ma che evidenziano ancor di più una sorta di insofferenza nei confronti di un ambiente che sembra averne abbastanza di lui. Ecco perché la panchina della Roma rappresenta più di un ipotesi.

Calogero Montalbano