A Cuba esplosione nel cielo. Paura ma niente danni

Mentre è allarme in Russia per la pioggia intensa di meteoriti che ha coinvolto il territorio, si apprende che “anche” sull’isola cubana è arrivato “un castigo dal cielo”.

Mercoledì scorso ci sarebbe stata, infatti, una esplosione con conseguente bagliore nel cielo e tremolio delle case. Il fenomeno non è stato ancora delineato, forse si è trattato di un pezzo di satellite o un razzo tornato sulla Terra dalla sua orbita. È possibile presumere, stando alle innumerevoli lezioni di geografia astronomica che si vanno moltiplicando in queste ore dai media, che la pioggia di “rimasugli” che il cielo spazza via non è un fenomeno del tutto nuovo, ma che negli oceani, come nei deserti, si riversa nel tempo, una grossa quantità di “spazzatura spaziale”.

[smartads]

I cubani che hanno assistito all’esplosione, raccontano di aver visto un oggetto che cadeva dal cielo e che subito dopo è esploso con rumore assordante. Le case e i vetri hanno tremato e nel cielo, prima dell’esplosione, si è diffusa una luce molto intensa che è arrivata ad assumere una imponente dimensione.

Queste le parole di uno dei testimoni: “intorno alle otto di sera di Mercoledì ho visto una luce che si muoveva nel cielo fino a trasformarsi in una fiamma molto grande, più grande del sole, e tre o quattro minuti dopo abbiamo sentito un’esplosione”.

Secondo Marcos Rodriguez, un cubano probabilmente esperto di tali fenomeni, si è trattato di un bolide, ossia un frammento di pietra e di metallo che entra con grande velocità nell’atmosfera terrestre. Intanto, intorno a Rodas, la zona principalmente coinvolta, gli specialisti cubani sono alla ricerca di possibili resti minerali caduti dal cielo.

Rachele Minichino