Il produttore televisivo e cinematografico è stato arrestato oggi dalla Guardia di Finanza su disposizione della Procura di Roma.

L’ex editore, amministratore unico della Rizzoli Audiovisivi srl, oggi Tevere Audiovisivi srl, società holding in liquidazione, è stato arrestato con l’accusa di bancarotta fraudolenta, sia patrimoniale che documentale, per aver cagionato con dolo il fallimento di 4 società da lui controllate: Produzioni internazionale Srl, Ottobre Film Srl, Delta Produzioni Srl e nuove produzioni Srl. Fallite tra il Gennaio 2011 e il Marzo 2012.

In relazione ai fatti sono stati sequestrati l’abitazione dei Rizzoli ai Parioli, in via Rubens e composta da 21 vani, la tenuta di Capalbio, in provincia di Grosseto, e alcune quote societarie. Dall’indagine partita nell’Aprile 2012 si evince che fosse incontrastato dominus delle società incriminate, affidate a dei “prestanome” retribuiti con un saltuario compenso, di cui intascava gli utili.

Nel provvedimento di sequestro figura anche la moglie di Rizzoli nonché deputata del Pdl, Melania de Nichilo, accusata di Concorso in Bancarotta fraudolenta in quanto azionista di minoranza della Tevere Audiovisivi e socia unica della Gedia, società cassaforte del gruppo Rizzoli. In questa società confluivano i soldi della Tevere Audiovisivi che, invece di irrorare le attività produttive della società e i debiti con fornitori, erario e Inps, venivano usati per acquistare e mantenere il patrimonio immobiliare, adesso sotto sequestro.

[smartads]

Il produttore soffre di sclerosi a placche, diabete, ipertensione arteriosa ed insufficienza renale, per cui la sua condizione fisica è stata giudicata incompatibile con il trasferimento presso una struttura carceraria. Infatti la Procura ha immediatamente chiesto al gip di modificare le disposizioni della custodia cautelare, consentendogli di essere ricoverato in una struttura idonea, l’Ospedale Pertini, provvedimento richiesto anche dal difensore di Rizzoli. Sempre il gip lunedì scioglierà il dubbio sugli arresti domiciliari.

Guglielmo Sano