Mario Monti al PalaCongressi di Bologna in vista delle Elezioni PoliticheMario Monti è stato accolto con proteste e tafferugli davanti al Palazzo dei Congressi da un gruppo di studenti delle scuole superiori.

Attorno le 18 i manifestanti si sono avvicinati al Palazzo per aspettare il premier uscente, il quale era impegnato ad un altro appuntamento in città e hanno iniziato ad intonare lo slogan: “Monti, Bologna non ti vuole”. Ma dopo alcuni minuti sono stati allontanati con la forza dalle Forze dell’Ordine a colpi di scudo e manganellate.

Ad attendere Monti c’era anche un gruppo di commercianti di via Petroni, i quali non hanno partecipato alla manifestazione, ma hanno dichiarato: “Siamo qui perché vogliamo che vengano rispettate le liberalizzazioni realizzate da Monti perché per noi sono state annullate da un’ordinanza del sindaco Virginio Merola, che vale solo per una via di 200 metri”.

[smartads]

Mentre tra gli applausi del Palacongressi, Mario Monti ha ricordato il decreto che dà il 100% di copertura ai danni subiti dai terremotati d’Emilia.

Degli emiliani colpiti dal terremoto dice: “Gente seria con problemi veri ed era giusto ascoltarla”. Infine conclude: “Questa è una terra generosa che sento anche un po’ mia. Mia madre era nata nella stessa provincia dell’onorevole Bersani. Una terra generosa ma che ti parla dritto negli occhi come è giusto che sia”.

Martina Tessari