ROMA, 6 FEBBRAIO La sinistra inciucia con Monti. Così questa mattina ai microfoni di Radio24 Silvio Berlusconi ha commentato l’annunciata intenzione di Bersani di aprire a un’alleanza con il premier uscente. Bersani e Monti “hanno confessato apertamente la volontà di inciucio già trapelata da tantissime dichiarazione – prosegue il Cavaliere – Ora è più chiaro che chi vota per Monti, Casini e Fini vota per Bersani”.

Poi attacca il Professore, sostenendo che ormai “non ha più alcuna credibilità” e che si è rivelato “la più grande delusione provata dopo Fini”.

E riguardo all’apertura nei confronti di Monti, Bersani, intervenuto oggi a Radio Anch’io, ha chiarito: “Ho sempre detto che chiedo il 51%, ma che mi rivolgerò a forze alternative a Berlusconi e alla Lega come se avessi il 49% dei voti e sono disponibilissimo a rivolgermi anche a forze come quella del professor Monti”.

Ma Nichi Vendola sembra non vedere di buon occhio questa disponibilità, dato che pochi minuti dopo ha ribattuto: “Spero che Bersani non si voglia assumere la responsabilità di rompere l’alleanza del centrosinistra. Ha fatto riferimento al tema pregiudiziale dei programmi e nei fatti quelli di Monti e del centrosinistra sono inconciliabili”.

[smartads]

E poco più tardi, in videochat sul sito del quotidiano La Stampa, il leader di Sel ha aggiunto: “Bersani non ha il potere di mutilare il centrosinistra della sua genesi: primarie e alleanza con Sel. Lo stimo, ma fossi stato in lui mi sarei dimesso da segretario del Pd: è più di un capo di un partito: è il capo di una coalizione e il candidato premier”.

Sul tema delle alleanze è poi intervenuto direttamente anche Mario Monti: “Immagino che se Bersani è interessato, come ha dichiarato, a una collaborazione con le forze che rappresento – ha detto il premier – dovrà fare delle scelte all’interno del suo polo”. E ha precisato che comunque “il tema delle alleanze è prematuro, verrà dopo il voto”.

Beatrice Amorosi