E’ cominciata ufficialmente ieri la nuova stagione di formula uno della Ferrari. Il team di Maranello ha infatti presentato la F138, o, per usare la definizione di Montezemolo,”Speranzosa”.

Il nomignolo presidenziale dà solo un’indicazione minima delle aspettative che aleggiano attorno alla nuova monoposto. La voglia di riscatto è tanta, e questa volta la parola d’ordine è “vietato accontentarsi”: il secondo posto dello scorso anno non è sufficiente, e in questa stagione il gradino più alto del podio sarà d’obbligo.

La vettura presenta qualche importante novità: è stato tolto il gradino sul muso che faceva alla F2012 un naso adunco, sono comparsi un po’ più di nero e una banda bianca che corre attorno alla macchina e smagrisce la struttura complessiva. Domenicali si è detto ottimista, e ha chiarito che la F138 è un’evoluzione del progetto precedente. Tuttavia sono presenti tanti dettagli nuovi non visibili e tante sono ancora le aree su cui lavorare.

Le premesse per essere i migliori ci sono tutte: un’altra stagione da protagonisti non vincenti sarebbe deleteria per l’ambiente.

Riccardo Rollo