BOLOGNA, 28 GENNAIO – Da due settimane il nuovo film di Tarantino regge saldamente la prima posizione nelle classifiche dei film più visti al cinema, con un incasso di 2.529.148 euro solo nell’ultimo week-end.

Django Unchained non ha sofferto neppure questo “caldo” fine settimana dalle grandi uscite cinematografiche. Giusto per dirne due: Spielberg col suo ultimo  film sul personaggio simbolo del patriottismo U.S.A, il superpresidente di tutti i presidenti, ossia vostra signoria “Lincoln” – e Zemeckis (neanche a farlo a posta si tratta proprio dei due “signorotti” di “Ritorno al Futuro”) che, dopo aver girato qualche film di animazione, torna a metter le mani nell’impasto di un avvincente live action “Flight”, con protagonista uno straordinario Denzel Washington, che sarebbe in grado di far passare come eroe anche l’emblematico personaggio di un torturatore. Le due pellicole in questione hanno guadagnato rispettivamente 2.029.524 e 1.338.440 euro, classificandosi seconda (quella di Spielberg) e terza (Zemeckis) nella classifica dei film più visti.

[smartads]

Per trovare il primo film italiano bisogna scendere alcune posizioni, ma non troppe. Infatti la sesta piazza spetta a Tornatore e la sua ultima produzione cinematografica, “La migliore offerta” (incasso di 681.437), appena una posizione prima di un altro made in Italy (ma ora traslocato, giustamente, ad Holliwood) Gabriele Muccino con “Quello che so sull’amore”.

Ma la dura legge è ancora quella di Django – e ci mancherebbe, si faccia avanti chi ha il coraggio di fermare una tale furia! Proprio lui, la pistola più veloce e feroce (aggiungerei) dell’intero Far-West, cacciatore di taglie per nobile causa, o come direbbe Django con toni chiari e semplici (evitando di perder tempo prezioso) «  Io sono quell’uno su diecimila!».

Lorenzo Battaglia