SYDNEY, 26 GENNAIO – Un’ora e 42 minuti di classe, forza e carattere: questo il riassunto della finale dell’Australian Open, che ha visto trionfare il duo Sara Errani Roberta Vinci, contro la giovanissima coppia australiana, formata da Ashleigh Barty e Casey Dell’Acqua. In tre set (6-2, 3-6, 6-2) le due italiane hanno scritto un importante capitolo della storia del tennis: terzo titolo conquistato negli ultimi 5 tornei.

Sembrava un match senza storia, con le azzurre avanti di un set e di un break (6-2 2-1). Ma anche nel tennis vale la regola “mai abbassare la guardia”: infatti a sorpresa c’è la reazione delle australiane, le quali, sospinte dal pubblico di casa, hanno infilato un parziale di 6 a 1 (6-3, 1-0). A quel punto testa e cuore hanno fatto la differenza: due break consecutivi nel sesto e nell’ottavo game per il 6-2 finale, a favore delle italiane.

[smartads]

Festa, commozione e gioia, ma anche un messaggio diretto a chi poco credeva in questa coppia: contano i fatti, non le parole! Chi aveva definito le sorelle Williams di un altro pianeta rispetto a loro, dovrà  ricredersi: americane sconfitte ai quarti e titolo vinto possono bastare per fare tornare di moda il colore azzurro.

Riccardo Rollo