NEW YORK, 24 GENNAIO – Dai set cinematografici alla famosa White House. Di chi parliamo? Della disperata casalinga Eva Longoria a cui è toccato il compito, non poco importante, di essere tra i presidenti del comitato di organizzazione della cerimonia inaugurale per l’insediamento di Barack Obama.

Proprio l’attrice, da noi nota anche per una campagna pubblicitaria di una nota marca di gelati, ha dichiarato di essersi iscritta alla facoltà di Scienze Politiche della Cal-State Northridge University per colmare quel gap culturale in materie economico – politico a cui non ha potuto dedicarsi essendo impegnatissima nella sua carriera di modella ed attrice. Proprio al Wall Street Journal ha così motivato la sua scelta di correre subito ai ripari e di tornare sui banchi universitari: “Non voglio assolutamente passare per una di quelle celebrities che non sanno di di cosa sta parlando“.

Originaria del Texas, l’attrice si fa portavoce dei diritti dei Latinos Americani ed è tra i favorevoli per l’entrata in vigore della legge pro-immigrazione che ha già permesso negli States all’inserimento di oltre un milione di clandestini.

Sul Presidente Obama ha sempre espresso commenti di stima ed affetto: “Deve saper dimostrare l’attaccamento a noi latini. In fondo è cresciuto in un ambiente simile. Deve essere capace di parlare a noi come se parlasse alla sua famiglia“.

[smartads]

Da sempre promotrice di Obama e dei suoi messaggi di uguaglianza, la sexy casalinga , peraltro la più famosa e amata delle cinque, non ha mai nascosto il suo consenso alla politica del Primo Presidente americano di colore essendo anche lei una che ha lottato e, non poco, per le sue origini.

Indimenticabile la sua battuta contro Mitt Romney, l’altro candidato, che non voleva assolutamente che i ricchi pagassero più tasse, a cui disse : “L’Eva Longoria che incartava hamburger da Wendy aveva bisogno di pagare meno: non l’Eva Longoria che lavora nel cinema!“.

Diciamo che le carte ci sono tutte affinché in futuro la bellissima Eva possa ricoprire un ruolo di maggior rilievo nel nuovo mandato politico di Mr Obama.

Bisognerà solo capire come e quando questo sarà possibile.

Di una cosa siamo certi: tantissime rappresentanti della nostra scena politica dovrebbero prendere esempio dalla Longoria, pronta a combattere per i diritti di tutti e non solo per quelli puramente personali.

Emanuele Ambrosio