Liberati metà degli ostaggi stranieri

ALGERI, 18 GENNAIO – Non è chiaro quanti dei 150 ostaggi algerini e dei 41 stranieri che i terroristi islamici dichiarano di aver sequestrato nel giacimento di gas In Amenas, nel Sahara algerino, siano ancora nelle loro mani. Non si sa esattamente quanti di loro siano stati liberati e quanti uccisi.

È noto soltanto che tra gli ostaggi vi sono: 9 cittadini norvegesi, 7 statunitensi, “diversi” cittadini britannici, 14 giapponesi, 2 filippini, 2 malesi, e alcuni cittadini francesi e romeni. Lo riferiscono i governi dei rispettivi paesi.

Dall’Irlanda fanno invece sapere che Stephen McFaul, il 36enne costretto a indossare un giubbotto esplosivo per fare da scudo ai rapitori, ora è libero e sta bene.

Scioccante poi il racconto di Alexandre Berceaux, dipendente francese della società CIS Catering, che mercoledì mattina, giorno in cui i terroristi hanno attaccato il giacimento gestito dalla Bp, si trovava sul posto e che è rimasto nascosto fino al momento della liberazione ieri sera grazie al blitz condotto dai militari algerini.

[smartads]

Sono rimasto nascosto per quasi 40 ore nella mia camera – spiega Berceaux a Radio Europe 1 – Ero sotto il letto, ho sparso delle assi di legno un po’ ovunque. Avevo qualcosa da mangiare e da bere, non sapevo quanto tutto questo sarebbe durato”.

Washington e Londra non informate del blitz

Il presidente Obama ha parlato al telefono col premier inglese, David Cameron, per ottenere “chiarimenti” in merito al blitz che ieri in tarda serata l’esercito algerino ha effettuato nel sito di estrazione, di cui non era stato avvertito. Ma anche il governo di Londra non sarebbe stato informato dell’operazione, motivo per il quale ha mostrato una certa irritazione.

Il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, ha riferito che gli Usa sono “ovviamente preoccupati per le informazioni sulla perdita di vite umane” durante il blitz e che “le migliori informazioni” di cui dispongono le autorità statunitensi “sono al momento che ci sono americani fra gli ostaggi”.

Beatrice Amorosi