Iniziativa a sostegno delle fasce più deboli da parte della catena francese di supermercati Carrefour Italia. Da sabato 18 gennaio i clienti con oltre 65 anni d’età e i nuclei familiari di cinque o più componenti potranno usufruire di uno sconto su circa 4500 prodotti alimentari freschi, che potranno essere acquistati esenti dall’Iva.  “La crisi comprime il potere d’acquisto – afferma l’Amministratore Delegato Carrefour Italia, Giuseppe Brambilla di Civesio – e noi intendiamo dare un contributo concreto e permanente al sostegno dei consumi e un aiuto per le fasce più deboli”.

I prodotti”in offerta” saranno per lo più per lo più macelleria, pesce, salumi, formaggi e pane fresco che rappresentano il 65 per cento degli articoli acquistati dalle famiglie italiane. Per poter usufruire di questa iniziativa basterà richiedere una apposita tessera presso i banchi di accoglienza presenti nei 1204 punti vendita Carrefour Italia. Due le tipologie: la Senior Card a disposizione degli over 65 che presenteranno la propria Carta d’Identità unitamente alla tessera Spesa Amica. Per le famiglie numerose, ad esempio genitori con tre figli o genitori con due figli e nonno a carico, ci sarà un’apposita Superfamily Card, ottenibile con Stato di famigliae tessera Spesa amica.

Entrambe le tessere permetteranno di acquistare i vari prodotti in commercio con lo sconto automatico dell’Iva visibile sullo scontrino.

[smartads]

L’iniziativa, divisa in due fasi, si concluderà a fine marzo 2013. “Questi primi mesi ci permetteranno di monitorare il gradimento dei clienti ma noi contiamo di proseguirla anche per tutto il 2013 che sarà ancora un anno difficile per i consumatori e le famiglie”, spiega Brambilla di Civesio.

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istat sulla condizione delle famiglie, sono oltre il 28 per cento i nuclei in difficoltà economica e più del 40 per cento degli anziani sopra i 65 anni vive con meno di mille euro al mese. Una condizione ai limiti della sopravvivenza che obbliga purtroppo molte persone a dover usufruire delle mense pubbliche. “Gli anziani sono allo stremo e anche chi, fra mille difficoltà, riusciva ad arrivare a fine mese oggi si trova invece a prendere d’assalto le mense della Caritas“.

Roberto Messina, presidente di FederAnziani vede con soddisfazione il lancio di questa iniziativa, auspicabile anche da parte di altri supermercati analoghi. “Attraverso le nostre 2000 sedi faremo il possibile per diffondere capillarmente la conoscenza di questo progetto. Il 77 per cento degli anziani percepisce un assegno inferiore ai 1000 euro mensili e addirittura il 17 per cento dei pensionati letteralmente sopravvive con 500 euro. Iniziative di questo genere sono altamente auspicabili per la sopravvivenza dei cittadini a basso reddito”.

Antonella Traina