BOLOGNA, 15 GENNAIO – Cresce l’attesa per la trasposizione cinematografica che raccoglie in un’ unica pellicola la trilogia bestseller e campione d’incassi dell’autrice inglese E. L. James (pseudonimo di Erika Leonard). I tre romanzi della saga “Cinquanta Sfumature” sono, senza esclusioni di colpi, storie di vita erotica immersa nel mondo delle pratiche BDSM, acronimo che indica la preferenza sessuale “specializzata” sulla dominazione e sulla sottomissione.

Per ora riguardo al film si sa poco e niente. L’unica notizia trapelata, non casualmente (tutto lascia intendere un’abile, e se vogliamo scontata, mossa pubblicitaria) è che la visiona sarà vietata ai minori di 17 anni…come per dire “state tranquilli, nessuna lesina sulle scene di sesso”.

[smartads]

Intanto è stata stilata una speciale classifica sui film cult a sfondo erotico che nel passato sono  stati campioni d’incassi a dispetto della loro natura chiamiamola “trasgressiva”. Tra i primi dieci di sempre troviamo “Henry e June” di Philip Kaufman, “Lust, Caution” di Ang Lee, “Shame” film che consacrò Michael Fassbender a sex symbol,”Crash” di David Cronenberg”, “Il cattivo tenente” di Abel Ferrara . Parte di questa conturbante lista è anche “The Dreamers” film seducente-erotico quanto basta, diretto da Bernardo Bertolucci. E non poteva restar fuori “el Rej” dell’erotismo cinematografico, il sempre caliente Almodovar, “affecionado” inconsapevole di questa intrigante classifica con ben due titoli: “La mala education” e “Légami!” (quest’ultimo con protagonista un giovane aizzante Banderas).

Ma al primo posto assoluto, secondo il sondaggio, si trova “Showgirls” con oltre 20 milioni di dollari incassati, solo negli Usa. E la critica già freme e si domanda se “50 sfumature” riuscirà ad abbattere questo record, “vietato”.

Lorenzo Battaglia