ROMA, 11 GENNAIO – “Ieri sera arrivando da Santoro gli ho detto: ‘Questa sera lei fa il record’. Ma degli ascolti così proprio non me li aspettavo”. Così lo stesso Silvio Berlusconi -durante la registrazione della puntata di “Telecamere” che andrà in onda domenica alle 12.25 su Raitre – commenta il boom di ascolti che la sua partecipazione a “Servizio Pubblico” ha fatto registrare alla trasmissione di Santoro.

8.670.000 telespettatori ieri sera sono rimasti sintonizzati su La7 per seguire l’incontro-scontro tra l’ex premier e il suo storico antagonista, facendo registrare al talk-show il record assoluto del 33,58% di share. Battuto nettamente il 12,66% della prima puntata di “Quello che (non) ho” – di Fazio e Saviano – andata in onda il 14 maggio 2012.

E al termine del match televisivo sui social network sono impazzati i commenti entusiasti dei pidiellini, con in testa Alfano, che su Facebook esulta: “Berlusconi stravince in trasferta…e il campionato è solo all’inizio!!”.

[smartads]

Mentre la Gelmini twitta: “Servizio Pubblico con Berlusconi in studio boom di ascolti, 33,58% di share, Santoro e Travaglio ringrazino il loro avversario di sempre”.

Soddisfatto anche il capogruppo Pdl alla Camera, Cicchitto: “Un gran bel match televisivo, dove Berlusconi è salito sul ring, ha dato e preso colpi, ma ha dato vita comunque a una notevole performance televisiva”. E prosegue con un affondo contro Monti: “Non crediamo che nessun leader tradizionale avrebbe accettato di sottoporsi a un simile trattamento. Monti, con la grande opinione che ha di se stesso e anche con la sua spocchia, non avrebbe retto più di tre minuti”.

Ma non sono mancate le critiche, tra cui quella di Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, che, in risposta all’affermazione di Berlusconi secondo cui l’unica colpa di Dell’Utri sarebbe quella di essere nato a Palermo, su Twitter scrive: “Colpe e meriti si giudicano in base a comportamenti, non in base al luogo di nascita”.

Beatrice Amorosi