BOLOGNA, 11 GIUGNO – Sostituire il Viagra con un rimedio naturale e senza effetti collaterali? Ora si può. E’ quanto dimostra la ricerca condotta dal  Yonsei University College of Medicine a Seul, in Corea del Sud.

I ricercatori hanno testato la pianta di Ginseng su un campione di 119 uomini, dividendoli in due gruppi. Al primo venivano somministrate quattro dosi giornaliere di Ginseng (in pillole), al secondo semplicemente delle sostanze placebo. Dopo solo otto settimane, i risultati sono stati evidenti. Il Ginseng favoriva il miglioramento delle disfunzioni erettili. Il miglioramento di tale problema risiede nel rilascio dell’ossido nitrico dalle cellule endoteliali dei corpi cavernosi, che favorirebbe a sua volta la vasodilatazione e dunque l’erezione.

[smartads]

LA PATOLOGIA – In Italia si calcola che almeno un italiano su otto soffra di impotenza. La medicina la distingue in generandi, impossibilità di generare prole, e coeundi, impossibilità fisica di compiere l’atto sessuale. I medici invitano all’informazione affinché si eviti di assumere rimedi fai-da-te dannosi e che, in alcuni casi, possano portare a patologie ben più gravi.

Meglio, dunque, preferire cure naturali e meno invasive possibili, rispetto alla solita (e fittizia) pillola magica.

Martha Latorre