Gender Theory: sarà la svolta in Italia? Casini apre alle nozze gay

ROMA, 9 GENNAIO – Storie quasi ordinarie, speriamo non si tratti della solita commedia all’italiana, quella che grattando bene sotto la superficie porta alla luce non pochi mostri.

Oggi, il nostro Pier Ferdinando Casini ha pensato bene, tramite l’ausilio dell’ormai noto twitter, di rispolverare il “problemone” – familiare agli ambienti ecclesiastici – del matrimonio tra omosessuali. Il leader dell’UDC –  venuto al mondo politico facendo leva, nei suoi programmi politici, sui valori della famiglia – ha tenuto però a precisare che per lui matrimonio significa unione di un uomo con una donna. Niente di ineccepibile per la linea del suo partito se non fosse per quella ventata di aria nuova che coinvolgerebbe le coppie omosessuali.

[smartads]

“Ciascun partito e ciascun politico risponde in Parlamento alla sua coscienza. – ha dichiarato ieri durante una conferenza stampa alla Camera – Rispettiamo i diritti e la convivenza degli omosessuali e c’è la possibilità di coperture di carattere giuridico”.

Intanto, l’amo è stato lanciato, speriamo non serva solo a raccogliere qualche misero pesciolino. In fondo, siamo pur sempre in campagna elettorale.

Rachele Minichino