MILANO, 14 DICEMBRE – L’avevano prevista ed è arrivata puntuale, la notte scorsa, la “Nevicata di Santa Lucia”, che questa mattina ha fatto svegliare il nord Italia sotto una coltre bianca.

A Milano la neve è caduta abbondante tutta la notte, causando rallentamenti e disagi per i pendolari, dato l’appello del Comune a utilizzare l’auto solo in caso di necessità.

Disagi anche in Liguria, in particolare nelle province di Genova e Savona, con linee degli autobus sospese, treni in ritardo e navi bloccate fuori dal porto a causa delle banchine ghiacciate. Il tutto accompagnato da raffiche di vento che hanno raggiunto i 30 nodi.

La bufera imperversa anche sulle autostrade A7, A26 e A6, dove sono già attivi 500 mezzi e 1500 operatori, che stanno garantendo la piena percorribilità della rete.

Il ciclone atlantico Giunone, secondo il direttore del portale ilmeteo.it, Antonio Sanò, porterà tra oggi e domani su Piemonte, Lombardia e zone alpine “un massimo di 30 cm di neve fresca”. Ma la perturbazione dovrebbe raggiungere tra questa sera e la giornata di domani il suo apice, per poi lasciare spazio domenica a schiarite.

E mentre al centro-nord il gelo non dà tregua, al centro-sud, nonostante precipitazioni sparse, si prevede, grazie ai forti venti di Scirocco, un rialzo delle temperature, che raggiungeranno i 17-18 gradi, con punte addirittura di 20 in Sicilia.

Beatrice Amorosi