BOLOGNA, 16 NOVEMBRE – Opinioni diverse incalzano il M5S, discordie sia all’interno del partito che tra l’opinione pubblica.

Il caos scatenatosi di recente per la partecipazione al programma Ballarò della consigliera comunale Federica Salsi, ha causato non pochi disagi.

Accuse, richieste di allontanamento e dimissioni non sono mancate per l’attivista del partito, che si giustifica spiegando le buone intenzioni che l’hanno spinta  ad esporsi davanti alle telecamere, “Bisogna dare visibilità al partito, farsi conoscere”.

Le ingiurie che Beppe Grillo ha lanciato contro la Salsi hanno dato da parlare anche a esponenti di altri partiti, il Pdl in primis, che vede schierarsi a favore della consigliera la signora Santanchè, la quale afferma in un’intervista che il suo partito già da anni ha superato questo tipo di discriminazioni: Lady Sallusti si sbilancia anche offrendo asilo politico alla donna.

[smartads]

Anche l’opinione pubblica è spaccata su due fronti, chi sostiene la Salsi reputando riprovevole e maschilista  il comportamento tenuto da Grillo, chi invece lo sostiene replicando che la consigliera non si sarebbe attenuta alle linee guida  del movimento, il rifiuto ad esporsi davanti alle telecamere uniformandosi così a tutti gli altri partiti.

L’assemblea  tenutasi dai consiglieri del partito il 15 novembre per rendere conto agli elettori della collegialità del movimento, ha visto però  un grande successo per la consigliera che nonostante le accuse rivoltegli da Grillo, gode ancora di stima e fiducia da parte dei militanti del partito.

Eleonora Massenzi