TORINO, 29 OTTOBRE – E’ un Antonino Pulvirenti inferocito quello che si è presentato ai microfoni nel post partita di Catania-Juventus.

Il numero uno del club siciliano ha sparato a zero contro arbitri, panchina e soprattutto dirigenza bianconera. Parole durissime, parole al vetriolo che faranno eco per molto tempo: “Quello che non riesco a capire è chi è stato ad annullare il gol del Catania, secondo me è stata la panchina della Juventus – ha commentato Pulvirenti -, è stato Pepe, che fa anche l’arbitro, visto che anche il guardialinee aveva dato il gol”.

[smartads]

Il presidente etneo, che è stato espulso nell’occasione del gol annullato a Bergessio, rivela un retroscena avvenuto negli spogliatoi: “L’arbitro ha detto: ‘mi scuso e mi dispiace perché ho sbagliato‘, ma dovrebbero chiedermi scusa due volte, una perché hanno annullato un gol regolare, e poi perché mi hanno espulso senza nessuno motivo. Però è facile dire mi dispiace, ma oggi in campo lo hanno visto tutti, in televisione l’avete visto tutti cos’è successo, come si fa? E’ una vergogna, questa non è sudditanza psicologica, questa è di più, questa è vergogna pura. L’assistente aveva già indicato il centrocampo, poi la panchina della Juve, che evidentemente ha autorità anche sugli assistenti e sull’arbitro, ha annullato il gol. Questa è la realtà, ditela! Almeno una volta, ditela! Io pensavo che certi tempi fossero finiti, evidentemente non è così”.

Una reazione durissima quella di Pulvirenti cha avviene ad una settimana dalla regina di tutte le partite in quanto a polemiche: sabato prossimo, infatti, allo Stadium di Torino, andrà in scena Juventus-Inter.

Calogero Montalbano