NEW YORK, 29 OTTOBRE – Alta tensione a New York. L’uragano Sandy, dopo aver provocato decine di vittime nel mar dei Caraibi , si abbatterà sulla ‘Grande Mela’ nelle prossime ore: l’acme del fenomeno è prevista per le 17, mentre gli effetti dell’ex ciclone tropicale dureranno fino a domani mattina.

[smartads]

Il sindaco Bloomberg ha disposto l’evacuazione a scopo precauzionale quartieri più a rischio della metropoli statunitense: 350 mile persone hanno abbandonato nella note le case di Manhattan e Brooklyn. Sulla stessa lunghezza d’onda il governatore dello Stato di New York Cuomo che ha consigliato ai residenti di restare nelle case.

Città paralizzata: stop a treni, bus e metropolitane. Cancellati oltre tremila voli di linea, stop ad arrivi e partenze dal JFK. Blocco totale anche per scuole, porti. parchi e persino il cuore dell’economia mondiale Wall Street.

Il timore di una catastrofe naturale, acuito dalle previsioni meteo in diretta nei principali network Usa, ha innescato una folle corse ai supermercati per far scorta di viveri, e soprattutto di acqua.

L’allarme è massimo in 7 Stati della East Cost:  dalla South Carolina al Connecticut le autorità hanno dichiarato lo stato d’emergenza.

L’APPELLO DI OBAMA

Barack Obama, impegnato nella corsa alle Presidenziali 2012 contro il repubblicano Mitt Romney, ha lanciato ieri un appello agli abitanti dell’East Coast affinché non sottovaluti l’arrivo dell’uragano Sandy: “E’ potente e pericoloso. Gli abitanti della costa est devono prepararsi per evitare feriti e vittime. E’ importante che la risposta della popolazione sia rapida ed efficace

LE PREVISIONI

L’uragano Sandy presenta un fronte di quasi 800 km. La sua portanza è di dimensioni bibliche: Sandy è il maggior uragano della storia nell’Atlantico, e potrebbe causare un innalzamento record del livello del mare, fino a 3,5 metri a New York.

Redazione