BOLOGNA, 18 OTTOBRE – Sono oltre due milioni le dosi di vaccino antinfluenzale ritirate dal commercio, in via precauzionale. La decisione è stata presa dalla stessa azienda farmaceutica che quei vaccini li produce, l’olandese Cruccel, la quale copre circa il 10% della richiesta italiana per i vaccini antinfluenzali. La causa, che ha portato la ditta olandese a tale decisione sta nel fallo commesso dagli ultimi test sul farmaco Inflexal V.

[smartads]

Gianni Renzi (direttore del Dipartimento delle malattie infettive dell’ Istituto superiore di Sanità) ha spiegato come sia da escludere comunque qualsiasi tipologia di pericolo: «Alcune dosi dell’Inflexal hanno registrato un fallimento ai test di sterilità. Non per forza significa dover confermare la presenza di agenti patogeni. Si potrebbe trattare, con uguale probabilità, di batteri innocui. Bisognerà attendere il riscontro dei prossimi test, che sono stati già effettuati».

Il Ministero della salute ha confermato le parole di Renzi « Si tratta esclusivamente di misure precauzionali. Assicuriamo che non ci sono rischi per la salute dei cittadini. Per quanto riguarda gli altri vaccini in distribuzione, non ci sono pericoli». Infine sempre il Ministero della salute ha dichiarato che non ci sarebbero problemi, nell’eventualità che la situazione lo richiedesse, a reperire altrove le dosi mancanti.

Lorenzo Battaglia