MILANO, 11 OTTOBRE – La vittoria sofferta nel ‘derby delle polemiche’ contro il Milan ha rilanciato l’Inter nell’Olimpo della Serie A. Adesso il progetto Stramaccioni convince critica e tifosi, pertanto il presidente Massimo Moratti è pronto ad aprire il portafogli per rafforzare la Beneamata nel mercato di gennaio.

Mario Garau, esperto di calciomercato e redattore di FcInterNews.it, analizza in esclusiva ai nostri microfoni le strategie di mercato nerazzurre, dall’incognita sul vice-Milito all’erede di Maicon, sino all’acquisto di Paulinho e alla potenziale cessione di Sneijder.

Vice Milito: chi la spunterà tra Denis, Llorente, Llorente e Floccari?

[smartads]

L’unica strada percorribile mi sembra quella che porta a Floccari. Difficilmente l’Atalanta si lascerà sfuggire il suo bomber, e non credo neanche che l’Inter possa sostenere l’ingaggio di un giocatore come Llorente, che ne ha chiesti 4.5 mln netti a stagione. L’attaccante della Lazio, invece, ha le caratteristiche adatte per ricoprire il ruolo di vice Milito. Piedi buoni, ottima finalizzazione e costo basso. Nella Lazio non sta trovando tanto spazio, ma quando ha messo piede in campo non ha mai demeritato. In ogni caso, credo debba essere una mossa provvisoria. L’anno prossimo torna Longo, e si punta a partecipare alla Champions League. Milito non può reggere per molto altro tempo un ruolo così totalizzante nell’attacco nerazzurro.

Basta o Jung: chi colmera’ la lucana lasciata a destra da Maicon?
L’Udinese non si libera mai di una sua pedina importante a gennaio, su Jung c’è una concorrenza accesissima. La lacuna a destra c’è e si fa sentire. Chissà che non rispunti improvvisamente il nome di Debuchy.

L’arrivo di Paulinho a Gennaio potrebbe comportare la cessione dj Sneijder?
Paulinho e Sneijder occupano due ruoli totalmente diversi, e la permanenza dell’olandese non preclude assolutamente l’arrivo del centrocampista del Corinthians. I soldi per portare il brasiliano in Europa possono arrivare dalla nuova cordata cinese, pronta a investire soldi freschi (e non solo sul nuovo stadio). Paulinho è un tassello assolutamente fondamentale per Stramaccioni, dato che il suo centrocampo mostra ancora parecchie lacune in fase di palleggio e di inserimento.

Intervista di Massimiliano Riverso a Mario Garau