ROVIGO, 11 OTTOBRE – Non erano i giovani quelli senza contegno, senza vergogna, quelli in preda a tempeste ormonali e dagli impulsi sessuali irrefrenabili? A quanto pare no. O almeno, non solo. Oppure sono stati proprio loro, i due ragazzi che hanno ceduto al desiderio in Piazza S. Croce a Firenze, o la coppia, neanche tanto giovane di Villa Pamphili a Roma e così via, a suggerirgli l’idea ,“sesso in pubblico”.

Sta di fatto che per un motivo o per un altro, una coppia di Rovigo, un pò in là negli anni, ha sfogato tutti i suoi impulsi primitivi , sui sedili posteriori di un’auto. Perché la scelta sia caduta su un’utilitaria, piccola e poco confortevole, non si sa, forse va di moda, ma sicuramente la trasgressione in sé, avrà stimolato la fantasia dei due partner.

[smartads]

LA RICOSTRUZIONE – Erano le 10 circa di lunedì mattina quando, una coppia quasi attempata, lei 38 anni e lui 60, è stata beccata in una piazzola della Commenda (Rovigo) , in circostanze molto intime. Si erano appartati con l’auto, nel parcheggio, convinti di essere al sicuro da occhi indiscreti. Il resto possiamo immaginarlo: due chiacchiere, effusioni, carezze, preliminari vari fino al rapporto sessuale vero e proprio, in pieno giorno e sotto lo sguardo stupefatto di passanti, tra cui donne e anziani che tutto si sarebbero aspettati, fuorché uno separietto hard per la strada di casa. È stato proprio un passante a cogliere, la desiderosa coppia, con le mani nel sacco o meglio, avvinghiati e nudi come mamma li ha fatti. All’arrivo della polizia, apparsa come una visione ai finestrini dell’auto appannati, i due, presi in flagrante hanno cercato di rivestirsi frettolosamente ma la denuncia, per atti osceni in luogo pubblico è scattata. Entrambi, rischiano la reclusione da tre mesi a tre anni o una sanzione che va dai 51 ai 309 euro. Speriamo almeno, per loro, che ne sia valsa la pena.

Marilena Felice