CITTA’ DEL MESSICO, 9 OTTOBRE – 5 milioni di dollari era la taglia di “valore” affibiata alla testa di “El Lazca”, Heriberto Lazcano, boss ucciso ieri mattina dalla Marina messicana.

Il leader dei Los Zetas, narcotraffincanti, è morto in un “duello” a fuoco con le forze di sicurezza nello stato settentrionale di Cohaulia. La cifra dei suoi omicidi si è fermata a 300. Poi la morte, in fase di accertamento ma ormai certa, la fine della carneficina.

[smartads]

“El Verdugo” veniva anche chiamato, ossia il carnefice, il boia. La banda dei Los Zetas, presso il quale era a capo, è considerata una delle più violente, feroci, capaci di mostrare in pubblico il loro “trofeo”: corpi esanimi o sfigurati di narcotrafficanti rivali o poliziotti uccisi.

La morte del loro leader non permetterà la cessazione della loro ferocia, si rigenerano dalle stesse macerie che li circondano. Ma d’altronde si sa, la fine è un destino assegnato a tutti.

Rossella Assanti