SALERNO, 24 SETTEMBRE – Magic Mike conquista il botteghino italiano. Con degli incassi non proprio da capogiro, soli 1.326.795 euro guadagnati nella prima settimana, il film di Steven Soderberg sbaraglia la concorrenza nelle sale conquistando la vetta della classifica.

Del resto in un mondo che oggi punta all’apparenza e alle forme, come non poteva un film del genere, che peraltro è un tripudio di corpi muscolosi e bellocci da calendario, conquistare il cuore degli italiani? Impossibile!

Attenzione però Magic Mike non è solo un film di bicipiti, muscoli tirati a lucidi e poco cervello. Il regista riesce a tessere una storia toccante, che ricalca alla grande lo stereotipo, famoso in tutto il mondo, del cosidetto’ “american dream”.

Quel desiderio di rivincita, di lotta, di sacrificio per la realizzazione di un sogno, piccolo o grande che esso sia. Quindi tanti muscoli da vedere e sperare di toccare, ma alla base di tutto una ricerca di rivincita personale.

Tra i protagonisti segnaliamo Channing Tatum, protagonista di questo “sogno americano” e gli altri due attori Alex Pettyfer e il bellissimo Matthew McConaughey, volto di una famosa campagna di D&G.

Dietro Magic Mike si ferma “Prometheus”, il presule di Alien che alla sua seconda settimana di programmazione non è riuscito ancora a superare la soglia di 1 milione di euro.

[smartads]

Vanno meglio i film di animazione: Ribelle – The Brave e Madagascar 3: Ricercati in Europa, rispettivamente terzo e quarto posto della classifica.

Al quinto posto fa il suo esordio “Candidato a sorpresa” di Jay Roach, mentre in caduta libera al sesto posto troviamo “Il Cavaliera Oscuro – il ritorno”.

Bisogna arrivare alla settima posizione per trovare il primo titolo italiano : “Il rosso e il nero” per la regia di Giuseppe Piccioni. Un film che punta l’attenzione sulla situazione della scuola in Italia, annoverando tra i protagonisti la bravissima Margherita Buy e Riccardo Scamarcio. Altro titolo italiano è la commedia “Una donna per la vita” con Neri Marcorè, Sabrina Impacciatore, Vincenzo Salemme, che nonostante un cast di tutto rispetto non riesce ad agguantare la top ten stazionando solo in undicesima posizione.

Emanuele Ambrosio