In primo piano Obama e Romney, candidati alle Presidenziali USA 2012

WASHINGTON, 18 SETTEMBRE“I palestinesi non hanno alcun interesse a raggiungere la pace. E lo stesso cammino verso una stabilizzazione dell’area e’ quasi impensabile”. Lo afferma Mitt Romney, in un altro estratto del video ‘rubato’ dal sito Mother Jones, in cui si sente il candidato repubblicano buttare di fatto al macero ogni ipotesi di ripresa del processo di pace mediorientale verso l’obiettivo dei due Stati per due popoli.

Come notano tanti osservatori, anche stavolta Romney tutto sommato riprende riflessioni già fatte in pubblico. Colpisce tuttavia la forma liquidatoria e poco presidenziale del suo intervento.

In modo decisamente brutale, Romney, durante l’intervento alla famosa cena di fundraising in Florida di fine maggio, svelato dal video, parla dei palestinesi come di un blocco unitario, una realtà con una sola linea politica.

Quindi, dice espressamente di non credere ad alcun processo di pace possibile, facendo balenare solo soluzioni drastiche. Una posizione, questa, poco consona a un leader che si candida a diventare il presidente degli Stati Uniti e che quindi, dovrebbe avere lo scopo di ritardare se non evitare azioni militari.

[smartads]

“Quando vedo i palestinesi – sentenzia Romneynoto che non vogliono la pace in ogni caso. Il loro obiettivo politico e’ quello di impegnarsi per la distruzione e l’eliminazione d’Israele. E alla luce di come si sta andando avanti, non vedo alcuno sbocco”.

“Per quello che vedo e per quello che si dice, si può sperare di allungare un po’ il corso delle cose, si può sperare per un po’, ma si deve anche riconoscere che e’ un problema irrisolto… Così puntiamo a tirare la palla lunga in campo e sperare che alla fine accada qualcosa che risolva la questione”, conclude vago il candidato repubblicano.

E PARLA ANCHE DEGLI AMERICANI

Nello stesso video Romney la combina veramente grossa: offende il 47% degli americani accusandolo di votare per Obama perché “dipende dal governo”, “non paga le tasse e si sente vittima” perché troppo povero.

E ammette che “il suo lavoro non è certo preoccuparsi di questa gente”.

Frasi dure che secondo alcuni, come ad esempio Josh Barro, un analista di Bloomberg, potrebbero definitivamente costare a Romney le elezioni.“C’è un 47% di americani che votano Obama, che sono con lui a prescindere – afferma nel filmato – che dipendono totalmente dal governo, pensano di essere vittime, pensano che il governo abbia la responsabilità di dare loro il diritto alla sanità, al cibo, alla casa. Sono persone che non pagano le tasse sulle entrate. Il mio compito non può essere quello di preoccuparmi di loro, non li convincerò mai di assumersi le loro responsabilità personali e prendersi cura di loro stessi”.

Flavia Pugliese