Francesca Bonfanti era nata a Roma quarantuno anni fa. Una carriera brillante la sua, che si muoveva tra le fiction per la tv e le Radio romane, dove era nota e apprezzata da tutti.

Da anni ormai lavorava a Radio Centro Suono Sport, dove conduceva il programma ‘State Bene Così’, in cui si divertiva dannatamente a ‘blobbare’ i colleghi delle radio locali romane che spesso si lasciano andare a strafalcioni epocali.

Diretta, sagace, intelligente, ironica e autoironica, soprattutto. Tutti la ricordano così. Per queste sue doti era amata da tutti, persino i colleghi bersagliati quotidianamente riuscivano a ridere di quello scherno che veniva da una mente così brillante.

Da sempre vicina all’ambiente della AS Roma, intervistava spesso personaggi noti della romanità e del tifo romanista. Celebre la sua intervista del 2006 a Ennio Morricone in cui la Bonfanti si divertiva a scherzare sulla fede romanista del grande Maestro.

[smartads]

Negli ultimi tempi soffriva di profonde crisi depressive” sostengono i suoi amici più intimi. Il direttore di Centro Suono Sport Luigi Balducci la ricorda così: “Un gesto così non me lo spiego. Negli ultimi tempi, fuori dal suo lavoro, aveva degli stati d’ansia che la portavano a non essere più la stessa. Dal punto di vista lavorativo, aveva fatto degli errori di valutazione, delle scelte che si erano rivelate sbagliate ma dalle quali stava cercando di venir fuori”. “L’ho nuovamente inserita nel palinsesto – continua Balducci – e avevamo anche dei progetti da realizzare insieme in radio ma negli ultimi tempi non era più la stessa, alternava momenti in cui era brillante ad altri più solitari, più tristi. Tuttavia, mai avrei immaginato un gesto così estremo. Oggi però vogliamo che il suo sorriso e la sua schiettezza sia ancora un giorno con noi e per questo le abbiamo dedicato in radio una giornata intera”.

Anche Paolo Bonolis ha voluto ricordare Francesca Bonfanti, tramite il sito romagiallorossa.it: “Dispiace che una ragazza così ben attiva mentalmente, si possa esser tolta la vita. Nessuno di noi può parlare o dire nulla, visto che il domani non è gestibile, per nessuno. Ci ho lavorato a Sanremo, la sua vita affettiva ha messo il carico da 11 su di lei. La realtà è che evidentemente non riusciva a gestirsi, adesso sta meglio, e non possiamo condannare né valutare. Non siamo nessuno per giudicare. Quello che è successo a Francesca è successo a tante persone, ha deciso di dire basta, probabilmente non si sentiva all’altezza. Mi è sempre piaciuta, era sveglia e scaltra”.

Forse come ha scritto uno degli amici della Bonfanti su Facebook, il suo posto era tra le stelle… Ora da lì si divertirà a ‘blobbare’ tutti.

Simone De Rosas