ROMA, 10 SETTEMBRE – Prosegue lo scontro Grillo-Favia. E questa volta è il comico genovese a tirare un affondo, ma lo fa in modo molto diplomatico, addirittura con una vena poetica, prendendo in prestito le parole dell’amico De Andrè.

Perché non riesci più a volare? Ti senti rinchiuso senza vie di uscita, ma la porta del piccolo locale dove ti trovi (da quanto tempo?) non ha serrature. Se abbassi quella maniglia potrai uscire fuori, ma non lo fai” – scrive Beppe Grillo sul suo blog, citando il testo di “Canzone per l’estate” nell’editoriale La Settimana.

[smartads]

Il post è stato pubblicato due giorni fa, dopo il fuori-onda trasmesso dal programma Piazzapulita, durante il quale Giovanni Favia, il giovane consigliere regionale grillino dell’Emilia-Romagna, aveva definito Gianroberto Casaleggioburattinaio di Grillo”, denunciando la totale mancanza di democrazia all’interno del Movimento 5 Stelle.

E dopo che, il giorno seguente, il leader del M5S aveva accusato Favia di aver inscenato un finto fuori-onda in combutta con il Pd. Accusa a cui lo stesso Favia aveva replicato via Twitter “Che fai, mi cacci?”, riecheggiando le parole pronunciate da Fini contro Berlusconi all’epoca della scissione interna al Pdl.

Ti aspettano due ali, un cielo da esplorare – scrive ancora Grillo – Perché non riesci più a volare? Hai paura dell’ignoto. Nessun luogo è per te più sicuro di dove spendi le tue giornate. Lo sai, ne sei sicuro. Tutti lo dicono. Chi sei tu per contraddirli? E se poi aprissi quella porta cosa penserebbero di te? Cosa farebbero di te? L’alba ha già ceduto il posto al tramonto e ci sarà un’altra notte. Senza sogni sarà perfetta. Perché non riesci più a volare?

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Oah6vq4QHPY[/youtube]
Beatrice Amorosi