GENOVA, 1 AGOSTO – Un rapporto complicato quello tra Mario De Bernardis e suo genero, Sandro Campodonico. Un amore mai sbocciato tra i due che litigavano di frequente e per le ragioni più varie, battibecchi che culminavano quasi sempre in violenti litigi dai toni sempre più aspri.

Fino a ieri sera, quando sembrava che la piega fosse la solita di sempre, qualche strillo, la porta che sbatte e Campodonico che si allontana imprecando. Ieri sera no, De Bernardis, esasperato da quella situazione ormai insostenibile, è andato oltre e ha ucciso il genero.

I FATTI

Erano circa le 21 di ieri sera quando nell’appartamento dei De Bernardis sulle alture di Rapallo, nella zona del Tigullio, è iniziato il finimondo. Le urla tremende dei due uomini entravano nelle finestre, spalancate per la calura, di tutte le case circostanti. I vicini, seppur abituati alle frequenti discussioni tra i due, hanno percepito che nella foga di Mario De Bernardis, ieri, c’era qualcosa di diverso, una violenza inaudita e inusuale per il pensionato stimato da tutti in città.

De Bernardis, al termine dell’alterco col genero che ha lasciato l’appartamento sbattendo la porta, ha imbracciato il suo fucile da caccia e si è affacciato al balcone. Appena Campodonico è arrivato alla macchina e la visuale dal balcone era buona per il tiro, ha esploso un unico colpo che ha centrato il quarantaseienne alla testa.

Il gelo è calato nelle abitazioni circostanti quando quello sparo ha squarciato il silenzio.
[smartads]

Anche in casa De Bernardis lo stupore e il terrore sono comparsi nella mente e nel cuore dei parenti dei due uomini, nessuno si era accorto che il padrone di casa avesse preso il suo fucile da caccia. Immediata la chiamata al 118 e ai carabinieri, per Campodonico però non c’è stato nulla da fare, la ferita alla testa l’ha ucciso sul colpo.

LA CONFESSIONE

Appena i carabinieri sono giunti sul posto per investigare sulla dinamica dell’omicidio, De Bernardis, reo confesso, si è consegnato agli uomini dell’arma senza opporre resistenza. Il pensionato si trova attualmente in stato di arresto con l’accusa di omicidio volontario.

Ancora da capire la causa del drammatico litigio di ieri che ha portato alla morte di Sandro Campodonico.

Simone De Rosas
derosas.simone@gmail.com