LONDRA, 29 LUGLIO – Otto atleti sotto il minuto in semifinale. Una finale dei 100 rana ad alta tensione dove tutti hanno la possibilità di puntare all’oro. Quattro nomi per una medaglia il mito giapponese Kitajima, il recordmanVan Der Burgh, il vice campione del mondo Fabio Scozzoli e il veterano Hansen.

LA GARA – Grande partenza per Fabio Scozzoli, ottima anche quella di Van Der Burgh che vira per primo ai 50 metri, mentre l’italiano cede negli ultimi venti metri della seconda vasca. Negli ultimi cinquanta metri il sudafricano scatena tutta la sua potenza siglando uno strepitoso record del mondo. Medaglia d’argento per l’australiano Sprenger, mentre lo statunitense Hansen conquista il bronzo.

Delusione cocente per l’imolese che chiude al settimo posto: con il tempo della semifinale sarebbe salito sul podio.

Non so bene cosa sia successo, ero molto più teso ieri. Penso di aver nuotato male sin dall’inizio, infatti sono arrivato ai 75 metri che non avevo più fiato. Riguarderò la gara con il mio allenatore. E’ stata una bella esperienza, sarà per la prossima volta“, ha dichiarato un freddo Scozzoli ai microfoni di Elisabetta Caporale.

[smartads]

FINALE 400 sl. – Tutto pronto ai blocchi di partenza per la finale dei 400 stile libero. Al primo passaggio la favorita Muffat vira in testa con Federica Pellegrini terza. Cento metri ad alta velocità con la francese sotto il record del mondo. Nella terza vasca la veronese riesce a mantenere la scia del tandem di testa Muffat-Schmitt. Al passaggio ai 200 metri la Pellegrini viene sverniciata dalla francese Balmy perdendo il terzo posto. Quinta vasca con la coppia di testa che prende il largo, mentre la campionessa del mondo continua a lottare per il terzo posto. Ultime due vasche strepitose con Muffat e Schmitt in fuga per l’oro, Adlington, Balmi e Pellegrini per il bronzo.

La Muffat vince in volata con il nuovo record olimpico, argento per la Schmitt e bronzo per l’Adlington. Pellegrini solo quinta.

Dichiarazioni amare della Federica Pellegrini: “Dopo le Olimpiadi di Londra mi prenderò una pausa. Poi deciderò se continuare o meno”.

Red. Sport