MILANO MARITTIMA, 24 LUGLIO – Tre colpi diretti in pieno petto, poi ha rivolto l’arma verso di sè facendo partire un altro colpo fatale. Gianfranco Saleri ha ucciso questa mattina a Milano Marittina l’ex compagna Sandra Lunardini, nota parrucchiera del centro turistico romagnolo.

LA RICOSTRUZIONE – Erano le 9 del mattino in viale Romagna, quando Saleri si è presentato con una pistola in mano davanti all'”Hair Fashion Sandra”, esercizio commerciale che la vittima gestiva da anni. Il 61enne, originario di Brescia, avrebbe costretto la vittima ad uscire dalla hall del negozio per poi freddarla in un cortile laterale. Pochi istanti dopo, divorato dall’angoscia, si sarebbe tolto la vita con un colpo al petto.

Immediati i soccorsi del personale medico del 118, allarmato da alcuni testimoni, ma il cuore di Saleri ha cessato di battere durante il trasporto in ambulanza.

[smartads]

TESTIMONI – Testimoni allibiti della tragedia due dipendenti del negozio, una delle quali sarebbe rimasta ferita nella colluttazio, mentre l’altra sarebbe in stato di schock.

IL MOVENTE – Alla base del omicidio-suicidio ci sarebbero motivi sentimentali, probabilmente la folle gelosia che ha pervaso l’anima del Saleri dopo la rottura del legame sentimentale con Sandra.

Red.

Foto @ravenna24ore.it