BOLOGNA, 12 GIUGNO – La terra in Emilia, e in alcune provincie della Lombardia, continua a non dare tregua. Il fine settimana appena trascorso non ha riservato nè pace nè tranquillità alle popolazioni terremotate che dal 20 maggio hanno vissuto quest’immane tragedia, senza fine. Sono circa 16mila gli sfollati e i oltre 47milioni sono le risorse straordinarie che la Giunta regionale dell’Emilia-Romagna ha stanziato, in queste ore, per la ricostruzione post terremoto.

E delle ultime ore è anche l’ordinanza ministeriale che stabilisce, per motivi di sicurezza, che gli esami di Stato di terza media e maturità nelle zone terremotate si baseranno solo sulle prove orali. In particolare, nell’ordinanza, si fa riferimento agli studenti delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, luoghi che si trovano in condizioni di estrema precarietà. Come accadde per gli studenti de L’Aquila tre anni fa, gli studenti emiliani e lombardi sosterranno esclusivamente gli esami orali, non prima del 20 giugno, data che vedrà partire, invece, gli esami “standard” per il resto degli studenti italiani.

L’ordinanza ministeriale, inoltre, tiene conto anche dei problemi che il sisma ha creato nell’organizzazione degli scrutini e dell’ammissione, o meno, agli anni successivi e si articola in questo modo:

SCRUTINI: L’ammissione degli studenti alla classe successiva, nelle scuole primarie e secondarie, di primo e secondo grado, può essere disposta anche se non è stato raggiunto il limite minimo di frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato. I consigli di classe si riuniranno nei locali messi a disposizione dalle autorità competenti.

ANNO VALIDO CON MENO DI 200 GIORNI: Nelle zone interessate dal sisma e per le quali i sindaci abbiano disposto la chiusura delle scuole, l’anno scolastico 2011-2012 sarà valido anche se inferiore ai 200 giorni così come stabilito dalla legge.

[smartads]

REGISTRI SMARRITI: L’ammissione agli esami di Terza Media o Maturità, che si svolgeranno in locali messi a disposizione dalle autorità competenti, avverrà anche in mancanza degli atti relativi alla carriera scolastica degli studenti per motivi strettamente legati al sisma.

PUNTEGGI E VOTI: Per quanto riguarda gli esami di Terza Media, il voto finale sarà costituito dalla media dei voti in decimi ottenuti nella prova orale e nel giudizio di idoneità. Per quanto riguarda, invece, l’esame di Maturità, la commissione dispone di 75 punti per il colloquio e per conquistare la sufficienza servono almeno 50 punti.

DIPLOMI QUALIFICA PROFESSIONALE: Anche per quanto riguarda gli esami per il conseguimento dei diplomi di qualità non verranno effettuate le prove “strutturate o semistrutturate” e si procederà con le sole prove orali.

CANDIDATI ESTERNI: La documentazione relativa ai candidati esterni, domanda di ammissione compresa, è sostituita, in caso di distruzione o irreperibilità, da dichiarazioni rilasciate dagli stessi candidati.

Federica Palmisano