ASCOLI, 28 MARZO – Nuova udienza  per l’omicidio di Melania Rea, assassinata il 18 aprile scorso alle Casermette di Ripe di Civitella del Toronto nel teramano, sarà scontro tra periti davanti al giudice Marina Tommolini,  venerdì alle 10 nell’aula del Tribunale di Teramo.

Unico imputato per il delitto di Melania è il marito Salvatore Parolisi.

Parte civile, difesa e procura presenteranno ognuno per la propria competenza i quesiti peritali sul delitto, che ruotano intorno all’ora del delitto.

L’avvocato della parte civile, Mauro Gionni, ha nominato tre esperti : lo staff che fa capo alla criminologa Roberta Bruzzone , il medico legale Francesco Introna e Marina Baldi, biologa genetista.

La Bruzzone dichiara “ cerco di trovare la verità nelle tracce, per Melania e per la sua famiglia

La criminologa e il suo staff, Nicola Caprioli e Massimiliano Boccardi analizzeranno sia la scena del crimine che la dinamica e i movimenti legati alle celle telefoniche  ,cercando di ricostruire la dinamica dell’omicidio “com’è stata aggredita Melania e come ha agito l’assassino”

[smartads]

L’avvocato Gionni non anticipa i contenuti che porterà al processo “posso solo dire che daremo il nostro contributo tecnico alla costruzione degli accertamenti.”

Roberta Bruzzone tiene a precisare  che “noi non mettiamo in discussione il lavoro fatto dalla procura ma approfondiamo e valutiamo diversi profili sullo scenario del delitto.”

I temi su cui si confronteranno riguardano essenzialmente  : gli strumenti utilizzati per il delitto, la scena del crimine, l’ora del decesso.

Lula Cicco
Redazione Stage