BOLOGNA, 21 MARZO – I più grandi calciatori del pianeta lasciano alle spalle gli stadi per tornare ad affrontarsi per le strade di città, in una sfida all’ultimo dribbling. Il 16 marzo, il 13 negli Usa, è uscito per Xbox 360 e Ps3 il quarto capitolo della serie FIFA Street, chiamato semplicemente FIFA Street: un successo clamoroso che è diventato in meno di una settimana il gioco più venduto di tutto il Regno Unito. Testimonial d’eccezione: Lionel Messi. 

A differenza dei precedenti capitoli, gli sviluppatori dell’EA Canada hanno orientato il gameplay sulla via del realismo tracciata dalla serie principale FIFA, di cui FIFA 12 è l’ultimo riuscitissimo esponente. Se nelle precedenti installazioni la grafica da cartone animato e l’eccessiva spettacolarità delle azioni di gioco facevano ricordare per realismo le partite di Holly e Benji, questa volta la software house canadese ha deciso di privilegiare la simulazione calcistica, piuttosto che le rovesciate a ripetizione.Abbandonata la grafica “cartoonosa”, FIFA Street riprende molte delle caratteristiche di gioco di FIFA 12, sfoggiando una veste grafica migliorata e curata nei minimi particolari. Inoltre, per la prima volta, si potranno utilizzate le squadre di club, oltre alle nazionali.

[smartads]

Non si preoccupino, però, i fanatici del funambolismo del calcio giocato col joypad: come tutti i videogiocatori sapranno, in FIFA Street non si gioca a calcio, ma a calcetto su strada e la spettacolarità non è certo sparita, solo smussata quel tanto che basta per rendere le partite più simili alla realtà, senza rinunciare comunque, a dribbling, sombreri e sforbiciate volanti.

Come già anticipato, il fulcro del gameplay di FIFA Street si basa sul 5 vs 5 sull’asfalto o indoor senza barriere laterali. Il gioco, comunque, offre tante altre modalità, alcune delle quali faranno letteralmente sbavare tutti coloro che cercano la giocata piuttosto che il goal. Tanto per fare un esempio, esiste la modalità “Re del Tunnel” in cui lo scopo è superare l’avversario nel modo più spettacolare (e umiliante) possibile: un punto per il dribbling, due punti per un sombrero e tre punti se superi l’avversario con un tunnel.

Altra modalità originalissima di gioco consiste nell’opzione “Ultimo Rimasto”, dove si gioca con quattro giocatori per squadra, con porte piccole e senza un portiere, e il giocatore che realizza un goal deve abbandonare il campo, lasciando la squadra in inferiorità numerica.

Altra opzione degna di nota è il “World Tour”, in cui è possibile creare un proprio calciatore e renderlo capitano di una squadra composta sia dai giocatori presenti nel gioco che da quelli creati dal player. Partendo da competizioni regionali, via via che vincerete potrete partecipare al torneo nazionale, continentale e mondiale. Un’ascesa che potrebbe ricordare quella di un certo Oliver Hutton.

Infine, non dimentichiamo le opportunità offerte dall’online, a partire dalle sfide sino alla possibilità di salvare la carriera, passando per l’invio di video a Street Network per condividere i gesti tecnici più spettacolari.

Il calcetto è lo sport più praticato dagli amanti del calcio. Con FIFA Street lo diventerà anche nel mondo dei videogame?

Giovanni Gaeta