SANTARCANGELO DI ROMAGNA, 22 MARZO – Tonino Guerra ha scelto il 21 marzo, l’arrivo della primavera, ma anche la giornata mondiale della poesia istituita dall’Unesco, per lasciare il mondo. Ammalato da qualche mese, Guerra si era aggravato nelle ultime settimane ed era stato ricoverato a Rimini per accertamenti, ma i sanitari lo avevano rimandato a casa, a Santarcangelo, dove era nato, e aveva vissuto fino alla prima metà degli anni ’50.

Maestro elementare, poeta, sceneggiatore, ha collaborato con Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Francesco Rosi e i fratelli Taviani, firmando capolavori del cinema italiano, da L’avventura, nel 1960, a La polvere del tempo, nel 2008, ha contribuito a scrivere pagine importanti del cinema e della cultura italiana degli ultimi 92 anni.

[smartads]

E’ prevista sabato intorno alle 10, in piazza Ganganelli a Santarcangelo, l’orazione funebre. La camera ardente sarà allestita nel Consiglio comunale venerdì dalle 9. Lo ha reso noto il Comune, su indicazione della famiglia Guerra, che sta definendo le modalità di svolgimento delle commemorazioni funebri. Con ogni probabilità si tratterà di una cerimonia civile. Il sindaco ha anche deciso due giorni di lutto cittadino. Dopo la cerimonia, il feretro raggiungerà Pennabilli, dove verso le 15.30 si terrà una preghiera di saluto. . Stretti in casa, nel loro riserbo, la moglie Lora e il figlio di Tonino Guerra, Andrea, celebre compositore. Sotto l’abitazione del poeta, tre auto dei carabinieri vegliano la piazza. Tra i presenti, anche una troupe televisiva russa, la nazionalità della moglie di Guerra.

Alessandra Massagrande