BOLOGNA, 21 MARZO – Si è spento all’età di 92 anni Tonino Guerra. Il poeta e narratore di Sant’Arcangelo di Romagna ha concluso il suo viaggio in quel di Mosca, nella lontana Russia Europea.

Maestro elementare, nel 1943, durante la seconda guerra mondiale viene deportato in Germania e internato in un campo di concentramento a Troisdorf. « Mi ritrovai con alcuni romagnoli che ogni sera mi chiedevano di recitare qualcosa nel nostro dialetto. Allora scrissi per loro tutta una serie di poesie in romagnolo. »

Dopo la Liberazione si laurea in pedagogia presso l’Università di Urbino (1946), con una tesi orale sulla poesia dialettale.
Al 1952 risale l’esordio come prosatore con un breve romanzo, La storia di Fortunato. Nel 1953 si trasferisce nella Capitale dove avvia una fortunata attività di sceneggiatore. Nella sua lunga carriera ha collaborato con i maestri del cinema italiano (Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Francesco Rosi, i fratelli Taviani, ecc.). Dalla collaborazione con il regista ferrarese Antonioni, gli giungerà anche la nomination al premio Oscar nel 1967, per il film Blow-Up.

[smartads]

Negli anni ottanta torna nella sua Romagna. Dal 1989 ha vissuto e lavorato a Pennabilli, centro del Montefeltro, che gli ha conferito la cittadinanza onoraria in riconoscenza dell’amore dimostrato nei confronti di questo territorio.

Guerra divenne famoso presso il grande pubblico nel 2001, come testimone pubblicitario della catena di negozi di elettronica UniEuro, creando il tormentone dell’ottimismo, ripreso tra gli altri dal suo compaesano, e pronipote, Fabio De Luigi in un suo personaggio comico di Mai Dire Gol, l’Ingegner Cane.

Uno dei casi letterari più controversi degli ultimi tempi ha per titolo “Tonino Guerra wants to kill me”, di Antonio Bigini.
Nel 2010, in occasione dei suoi 90 anni, ha ricevuto il David di Donatello alla carriera. Il 10 novembre 2010 è stato insignito dall’Università di Bologna del Sigillum Magnum.

È il padre del noto compositore di musiche per film e sceneggiati Andrea Guerra.

Redazione (Biografia tratta da Wikipedia)