TORINO, 20 MARZO – Agnelli e Galliani vicini vicini:  La diatriba sembra esser finita, almeno quella di facciata, si erano lasciati male e comportati peggio. Nel tunnel di San Siro si apostrofarono in maniera indecorosa, poi le scuse di Galliani ma solo ad Agnelli, specificò. Oggi si ritrovano così, uno accanto all’altro, con gli altarini riposti debitamente nell’armadio, come ripetutamente fanno al tavolo della lega, sempre a braccetto, per bocca di Maurizio Zamparini. Come dargli torto, con obiettivi da raggiungere e pagnotte da spartirsi, diritti tv e via discorrendo, le poche situazioni in cui si raggiunge una posizione univoca. Fratture nascoste almeno per stasera, una disputa che potrebbe riaprire vecchi rancori di un “passato” quasi presente.

Dalla scrivania alla panchina, neppure lì corre buon sangue, provocazioni e silenzi da pentimento, impossibile trovare una comunione d’intenti. Juve-Milan è anche questo, totale dissenso. “Il cuore ancora sanguina”, recitò qualcuno; “ambiente ostile, clima rovente, e tante cattiverie” ribadì qualcun altro. Si erano lasciati cosi in attesa dell’ennesima disputa.

[smartads]

Qui Juve: Conte scopre parzialmente le carte, ci sarà Del Piero dal primo minuto con Quagliarella e Pepe ai suoi lati. Il tecnico Salentino sembra abbia scelto il 4-3-3, con Vidal, Pirlo e Giaccherini in mediana, che farà tirare il fiato al boccheggiante Marchisio. Dietro rientra a pieno regime Chiellini, il quale avrà il gravoso compito di stoppare le iniziative dell’iracondo di Malmoe, che contrariamente a quanto spifferato ieri da Allegri sarà regolarmente in campo. Bonucci coadiuverà il compagno di reparto con De Ceglie sull’out di sinistra. A destra sarà ballottaggio tra Caceres e Lichsteiner, con il secondo leggermente favorito in virtù della squalifica che lo costringerà a saltare Juve-inter. Tra i pali ci sarà il dodicesimo di coppa, spazio dunque a Marco Storari e Manninger in panchina.

Qui Milan: Alla vigilia Allegri aveva deciso di rinunciare a Thiago Silva e Ibra alla luce di una serie di impegni ravvicinati che costringeranno i suoi ad un forcing abnorme, con tre partite in una settimana, Juve, Roma e Barca. Repentina retromarcia del tecnico toscano che ha convocato entrambi per il match di stasera. Come consuetudine vuole, sarà Amelia a prendere il posto tra i pali. Mexes e Thiago Silva centrali con Antonini e Mesbah sulle rispettive fasce completeranno la linea difensiva. La cintura di centrocampo sarà composta da Nocerino, Aquilani e Muntari con Emanuelson nelle vesti di trequartista a supporto del tandem Ibra-El Shaarawy.

Probabili formazioni
JUVENTUS (4-3-3): Storari; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, De Ceglie; Vidal, Pirlo, Giaccherini; Pepe, Del Piero, Vucinic. All.: Conte.
MILAN (4-3-1-2): Amelia; Antonini, Mexes, Thiago Silva, Mesbah; Aquilani, Muntari, Nocerino; Emanuelson; El Shaarawy, Ibrahimovic. All.: Allegri.

Quote Juventus-Milan
1(2,40) X(3,25) 2(2,85)

Pronostico
Lo stadium è un bunker difficilmente espugnabile, quest’anno nessuno ci è ancora riuscito. Il pari è un risultato abbastanza ricorrente, per cui consigliamo il segno X in schedina e puntiamo su la qualità delle due squadre per vedere al meno un gol per parte, dunque X e gol.

Mario Lorenzo Passiatore
Redazione Sport