Melbourne, 19 marzo – Fernando Alonso prova a sorridere per il quinto posto nel Gp d’Australia, prima gara del Mondiale 2012, affermando che è ”una bella sorpresa e una buona notizia”. Per riassumere la giornata, affida al profilo Twitter la classica foto del bicchiere pieno a metà, con il logo del Cavallino in primo piano. ”Sapevamo che sarebbe stata una gara molto complicata e sono contento di averla conclusa con un buon bottino di punti. Ho fatto una bella partenza e alcuni sorpassi nella prima parte e poi, dopo la safety-car, c’è stata la dura battaglia con Maldonado”, afferma Alonso ripensando al duello con la Williams del venezuelano per la quinta posizione. ”Quando ho visto che era uscito di pista ho tirato il fiato perchè ormai era qualche giro che mi era davvero vicino: ero più lento di lui e dovevo soltanto cercare di difendermi, usando il Kers in alcuni punti specifici. Mi spiace per lui perchè finire una gara così è davvero un peccato”, conclude. Pensando al futuro ciò che preoccupa il pilota spagnolo è lo scarso bilanciamento sulla vettura di Massa e il degrado delle gomme, il lato positivo, la maggiore velocità acquisita dai meccanici.

Non nasconde di essere deluso Felipe Massa che parla di “un week-end davvero negativo”. Già il giorno precedente aveva sofferto a causa di un cattivo bilanciamento della vettura e in gara è andata forse ancora peggio perché, nonostante la bella partenza e le posizioni guadagnate, dopo pochi giri era in difficoltà con le gomme. Anche con il secondo treno di gomme sono stati riscontrati gli stessi problemi: la macchina scivolava e il degrado era molto maggiore rispetto agli altri. Anche con le medium le cose non sono cambiate. “Quanto al contatto con Senna credo che possa essere considerato un incidente di gara” conclude il pilota.

Stefano Domenicali parla di un risultato positivo e di un’ottima prestazione del pilota spagnolo, soprattutto in rapporto a com’ era andata nelle prove dei giorni precedenti. Certo,È chiaro che non possiamo essere contenti per un quinto posto” aggiunge, ma diche che la vettura non era quella che si aspettavano alla vigilia del mondiale, poi i problemi con il bilanciamento e il degrado delle gomme. Anche l’ingresso della safety-car non ha contribuito al buon esito della gara.

Chi esce del tutto soddisfatta dal primo Gp del mondiale è la Pirelli, ridotto il divario tra mescole, a Melbourne ha vinto la varietà di strategia. Gli pneumatici 2012 hanno mantenuto la promessa di offrire più strategie di gara “grazie alla ridotta forbice prestazionale tra mescole”. Questo, nonostante i piloti abbiano avuto poche possibilità di provare le nuove versioni dei P Zero Yellow soft e P Zero White medium scelte per l’Australia, a causa della pioggia nelle prove del venerdì.

«È un vero onore per me aver vinto qui, esordisce Jenson Button, ed è chiaro che come pilota significa molto, essere riusciti a vincere la prima gara della stagione”.

Il secondo classificato, Sebastian Vettel, commenta come ha saputo sfruttare l’ingresso della safety-car “Sì, mi ha aiutato a superare Lewis, ma ho avuto buone possibilità perché ero veloce e sono rimasto fuori più di lui dopo il pit-stop. Quindi penso che ce l’avrei potuta fare anche senza safety-car”. Così, Lewis Hamilton, deluso dal terzo posto “Non è stata la mia giornata, è stato tutto un po’ difficile”.

Anche Michael Schumacher è deluso ma solo fino a un certo punto “Quello al cambio è stato un problema inaspettato e sfortunato, non ci era mai capitato nei test invernali. Ma cose del genere possono succedere nelle corse”.

Alessandra Massagrande