VICENZA, 16 MAGGIO – Alcuni commercianti della città sono stati probabilmente truffati e successivamente ricattati dopo che un’avvenente seduttrice ha cercato di ottenere da loro delle prestazioni sessuali.

Accade tutto a Vicenza e a farne le spese sono alcuni negozianti della città. Ecco la ricostruzione dei fatti affidata alla testimonianza di due di questi ‘malcapitati’. Una donna molto attraente, mora, sulla trentina, entra nel negozio e approfitta dell’assenza di clienti per avventarsi sul proprietario, denudarlo e cercare di approfittare sessualmente dell’imbarazzato gestore del locale. A questo punto scatta la denuncia poiché, uno dei due commercianti ha intravisto un uomo, in una macchina, scattare delle foto in direzione del suo negozio durante l’accaduto. Di conseguenza gli organi competenti presumono che si tratti di una vera e propria truffa ben organizzata a scopo di ricatto e stanno battendo la città allo scopo di rintracciare l’avvenente seduttrice.

Altri commercianti vengono invitati a notificare episodi simili poiché si ritiene che il gioco della donna abbia già mietuto altre vittime che non hanno avuto il coraggio di denunciare il fatto e hanno preferito evitare così uno scandalo.

Francesco Amato