TORINO, 2 FEBBRAIO – Nella serata di ieri, a partire dalle 21,30, si è verificato nuovo blocco dell’ autostrada A32 Torino-Bardonecchia tra Bussoleno e Susa, all’altezza della galleria Prapontin, la piu’ lunga dell’autostrada. I manifestanti hanno costruito barricate e bloccato la circolazione in entrambe le direzioni. E’ rimasta bloccata per un’ora anche la stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova. I presidi dei manifestanti  sono terminati solo in tarda serata e i blocchi sono stati rimossi senza incidenti. Si rimane in attesa di nuove azioni e blitz nel caso i lavori al cantiere della Maddalena non venissero sospesi. Questa la richiesta avanzata dal momento No Tav.

Un videoreporter del Tg3 della Rai e’ stato aggredito la scorsa notte sulla A32 Torino-Bardonecchia, da alcuni manifestanti No Tav. L’operatore è stato avvicinato dall’attivista che ha cercato di sfilargli la telecamera e l’ha spintonato facendolo cadere a terra. L’operatore ha riportato una frattura al polso. A essere aggredito, solo due giorni prima, era stato un operatore del Corriere.it.

“Sull’Alta velocità la linea resta la stessa”, ha commentato il Premier Monti all’uscita dal vertice europeo di Bruxelles. E’ stata convocata per oggi pomeriggio a Palazzo Chigi una riunione sui lavori per l’asse ferroviario Torino-Lione, per verificarne lo stato di avanzamento nelle necessarie misure di sicurezza. Alla riunione parteciperanno il Ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri, il Ministro dello Sviluppo Economico, Trasporti e Infrastrutture Corrado Passera , il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricala’ e il Commissario straordinario di governo Mario Virano.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Alcuni militanti del movimento No-Tav hanno manifestato questa mattina a Milano. Alla stazione ferroviaria di Rogoredo, una ventina di manifestanti ha occupato, per alcuni minuti, i binari mentre era in arrivo un Frecciarossa da Torino e diretto a Roma. Secondo quanto riferito dalla Polizia la manifestazione si è risolta nel giro di pochi minuti, senza nessun incidente. Il treno è ripartito regolarmente rispettando l’orario.

Sono in netto miglioramento le condizioni di salute di Luca Abbà, l’attivista No Tav, caduto lunedì da un traliccio dell’alta tensione. “Il paziente è fuori pericolo, il rene funziona bene e così pure i polmoni, questo ha permesso di ridurre l’intensità delle terapie e di avviarlo ai primi interventi di chururgia plastica”, ha spiegato il direttore del dipartimento di emergenza del Cto, Maurizio Berardino.

Alessandra Massagrande