MILANO, 25 FEBBRAIO – Stasera a San Siro va in scena la sfida per antonomasia del campionato di serie A 2011-2012. Il Milan, padrone di casa, affronta la terza sfida contro una squadra bianconera in pochi giorni, dopo le vittorie su Udinese e Cesena. Il lignaggio della bianconera in questione però, stavolta, è decisamente diverso rispetto alle precedenti affrontate.

Milan e Juventus metteranno in campo ben quarantacinque scudetti in due e nove coppe dei campioni. Gli umori sono però nettamente diversi: la formazione di Allegri è reduce dalla bella prestazione mostrata contro l’Arsenal in Champions League e si porta anche dietro la bella vittoria in rimonta contro l’Udinese a casa dei friulani, unica formazione ad esserci riuscita fino a questo momento, e questo è un buon indicatore per capire la portata di siffatto risultato.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

La Juventus dell’ultimo periodo è meno convincente rispetto agli inizi, infatti è reduce dal pari esterno contro il Parma, condito da una prestazione non all’altezza delle aspettative, anche se minata da un paio di errori grossolani della terna arbitrale che ne hanno determinato e influenzato l’andamento.

IL TEMA TATTICO – E’ molto probabile che stasera si assista ad una gara equilibrata. La Juventus potrebbe soffrire in difesa la rapidità dei due brasiliani Pato e Robinho, a cui si opporranno un Barzagli già in forma europeo e un Chiellini titalico , con le corsie esterne pronte a bloccare la spinta degli esterni rossoneri. .

Cristiano Biasotto