Paola Severino, il ministro tecncio più ricco

ROMA, 22 FEBBRAIO – Questi sono tempi difficili per molti, ma non per tutti. È il primo pensiero che un comune mortale può fare quando legge le incredibili cifre scritte su alcune delle denunce dei redditi dei nostri Ministri.

Prima classificata è Paola Severino, Ministro della giustizia, che ha dichiarato un reddito di 7,1 milioni di euro denunciati nel 2011, riferito cioè all’esercizio 2010. Secondo si piazza Corrado Passera, Ministro per lo Sviluppo Economico e Infrastrutture e Traporti, con 3,5 milioni. Terzo è il Ministro per il Turismo, Piero Gnudi, con 1,7 milioni di euro. “Ultimo” dei milionari si classifica Mario Ciaccia, vice di Passera al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con 1,6 milioni di euro.

[ad#Google Adsense]

Nell’ordine delle centinaia di migliaia di Euro sono inclusi tutti gli altri: Griffi (Funzione Pubblica) con 504mila euro annui; Elsa Fornero (Lavoro, Welfare e delega alle Pari Opportunità) con 402mila euro annui; Di Paola (Difesa) con 370mila euro; Terzi di Sant’Agata (Esteri) 338mila euro annui; Giarda (Rapporti con il Parlamento) 262mila euro; Profumo (Istruzione) 227mila euro; Moavero Milanesi (Affari Europei) 223mila euro; Catania (Politiche Agricole, Alimentari e Forestali) 213mila euro; Cancellieri (Interno) 183mila euro; Clini (Ambiente) 173mila euro; Barca (Coesione Territoriale) 160mila euro; Balduzzi (Sanità) 144mila euro; chiude la classifica Andrea Riccardi, Ministro per la Cooperazione con 120mila euro annui.

Luca Bresciani