ROMA, 14 FEBBRAIO – Finalmente ci siamo. Questa sera alle ore 20.40 su Rai1 partirà la 62ima edizione del Festival della Canzone Italiana.

Riflettori tutti puntati su Adriano Celentano, super ospite della prima serata, tanto cercato e voluto dal direttore artistico Mazzi e dal presentatore Gianni Morandi.

Proprio Morandi, durante la conferenza stampa di presentazione delle cinque serate, conferma : ” Adriano sarà al Festival nella prima serata”, ma non si esprime su una sua possibile partecipazione alla performance dell’amico.

“Non si capisce bene. Mi ha detto: potrei chiamarti. Ma forse me lo dirà alle sei del pomeriggio. In ogni caso sono pronto, qualsiasi cosa voglia fare. Anche per un duetto. Conosco bene Adriano e il suo repertorio” rassicura Morandi, per il secondo anno consecutivo al timone del Festival.

Per l’esibizione di Adriano Celentano, fissata per le 22.15, si parla di uno scenario d’altri tempi. Il ragazzo della via Gluck sarà immerso in un’ambientazione di guerra.

IL CACHET DI ADRIANO – Intanto, dopo le innumerevoli polemiche legate al cachet del Molleggiato, è lo stesso Clan dell’artista a rendere noti i destinatari delle donazioni.

Una parte ad Emergency per il Centro chirurgico e pediatrico di Goderich in Sierra Leone e l’Ospedale di cardiochirurgia di Khartoum in Sudan, mentre il restante suddiviso tra famiglie bisognose di sette città italiane ( Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Cagliari).

Confermata l’assenza della valletta Ivanka Mrazova, bloccata in camerino per una forte cervicale. Al suo posto anticipano la propria partecipazione, fissata per mercoledì, Elisabetta Canalis e Belen Rodriguez, che ritornano sul palco che l’hanno scorso le ha viste incontrastate protagoniste.

[ad#Google Adsense]

GLI ARTISTI IN GARA E I SUPEROSPITI – Sul livello delle canzoni in gara Morandi è entusiasta: ” Sono 22 brani di qualità”, e nonostante questo sia il suo secondo Festival, non nasconde la sua felicità e l’emozione di ritornare su quel palcoscenico.

Allo stesso tempo però chiarisce le grandi difficoltà nel costruire uno spettacolo come questo, che dura cinque giorni e su cui pesano tantissime aspettative.

Le primissime sono quelle legate agli ascolti, tanto che il direttore di Rete Mauro Mazza spera di poter superare almeno di un punto il successo dell’anno scorso.

Sul fronte degli ospiti internazionali prende la parola il direttore artistico Mazzi che chiarisce quanto avrebbe voluto portare Stevie Wonder, ma di fronte ad un prezzo troppo elevato ci ha rinunciato,  perché quest’anno bisogna fare i conti con una politica mirata ad un risparmio dei costi.

Chiarisce poi, evitando nuovamente polemiche, che la trattativa con Celentano è stata lunga per motivi che non ricadono assolutamente nei costi relativi al cachet.

BACKSTAGE – A cercare di stemperare le tensioni pre-Festival ci pensa l’attore Rocco Papaleo per la prima volta protagonista di un evento mondiale come questo.

Il comico pone l’attenzione su quel lato oscuro che è la macchina di Sanremo, ossia tutti i tecnici e le persone “invisibili” che da mesi lavorano affinché stasera possa andare in onda la grande macchina dello spettacolo chiamato “Sanremo”. E poi fa suo il pensiero di Calvino, precisando che l’obiettivo di questo Festival 2012 “sarà la leggerezza, non il pazzeggio, ma quella leggerezza calviniana che tanto ci piace e che speriamo possa dare un pò di sollievo al paese in un momento di grande difficoltà”.

E’ stato confermato durante la serata un tributo speciale dedicato alla star Whitney Houston scomparsa in questi giorni, che proprio nel 1986 arrivò a Sanremo con la sua “All at once” conquistando la platea dell’Ariston che le regalò una standing ovation senza precedenti.

Emanuele Ambrosio