BOLOGNA, 12 FEBBRAIO – Una scossa di terremoto ha fatto tremare la terra stamani alle 8:48 in Romagna, nell’entroterra della provincia di Forlì-Cesena.

La scossa di media entità, magnitudo 3.3 gradi Richter, è stata avvertita distintamente dalle popolazioni di Borghi, centro più vicino all’epicentro, Cesenatico, Gambettola, Gatteo, Longiano, Montiano, Roncofreddo, San Mauro Pascoli e Savignano sul Rubicone, inclusi nel raggio di 10 km dalla sorgente del sisma.

Nel raggio dei 20 km, invece la scossa è stata avvertita in modo più lieve anche a Cervia, Cesena, Sogliano al Rubicone, Bellaria-Igea Marina, Poggio Berni, Sant’Arcangelo di Romagna, Torriana e Verucchio. Non si registrano danni a cose o a persone.

Il terremoto si è prodotto ad una profondità di 36.2 km, e tale profondità avrebbe attenuato di molto gli effetti, secondo gli esperti dell’INGV. Si tratta, ha detto l’ingegnere Demetrio Egidi, di un «fenomeno fisiologico» trattandosi di una zona sismica. «Pur non destando particolari preoccupazioni, il fenomeno merita un monitoraggio attento nelle prossime ore», continua Egidi, trattandosi di «una zona che sta vivendo molti disagi da giorni».

[ad#Google Adsense]

Sembra non finire il calvario delle popolazioni romagnole, dalla scorsa settimana ormai sotto la neve e adesso spaventati dal movimento tellurico. Le previsioni meteo di oggi rimangono critiche e vengono  segnalate nevicate fino al mare in tutta l’Emilia Romagna seppur di moderata entità. Un netto miglioramento è atteso per il pomeriggio di domani e soprattutto per martedì quando la perturbazione dovrebbe lasciare finalmente il nostro paese.

È il secondo terremoto registrato oggi dai sismografi regionali. Alle 8:36 di stamani infatti è stato registrato un altro sisma di minore entità, 2.2 gradi Richter, in provincia di Parma. Il sisma non è stato praticamente avvertito dalla popolazione. L’epicentro sarebbe stato tra i comuni di Berceto, Calestano, Corniglio e Terenzo, la stessa zona colpita il 27 gennaio scorso, dal ben più possente terremoto di magnitudo 5.4 gradi Richter che ha fatto tremare tutto il centro-nord Italia.

Luca Bresciani