Arezzo, 10 Febbraio – Le previsioni dei giorni scorsi non promettevano niente di buono e non hanno tardato ad avverarsi, i primi fiocchi di neve sono scesi dalle 04 di stamani e hanno raggiunto quassi il metro di altezza in molte località. Le zone più a rischio secondo il bollettino di allerta della Protezione civile sono il Casentino, l’alto Mugello, l’alta Val Tiberina, l’Amiata e le colline del grossetano. Non solo la neve, ma anche il vento forte sta colpendo i rilievi toscani, portando le temperature ad abbassamenti bruschi e creando cumuli di neve molto alti sulla rete stradale.

Il presidente della regione Toscana Enrico Rossi ha diramato ieri un comunicato a enti locali, prefetture, Enel, società aeroportuali, ferroviarie e autostradali contenete l’invito a seguire con la giusta attenzione l’evolversi della situazione che rimane critica fino a sabato. Rossi, prosegue nel comunicato, invita le amministrazioni a segnalare tempestivamente «ogni esigenza di supporto per situazioni di particolare esposizione al rischio».

[ad#Google Adsense]

In tutta la provincia di Arezzo le temperature non superano lo zero, la conseguente formazione di ghiaccio sta creando notevoli disagi ai trasporti. Le scuole rimarranno chiuse nelle giornate di oggi e domani in molti comuni del Casentino e dalla Val Tiberina. La situazione maggiormente critica si registra sui rilievi dove c’è l’obbligo di transito con catene montate o pneumatici da neve. Sulla SR71 al Passo dei Mandrioli che collega la Toscana con la Romagna, la provincia di Forli-Cesena ha chiuso il passo nella parte di sua competenza. Anche sulla E45 è previsto il codice giallo, che impone Catene montate o pneumatici da neve, per poterla percorrere con autoveicoli. Blocco totale, invece dalla mezzanotte di ieri, per i mezzi pesanti.

In provincia di Firenze la neve ha creato difficoltà  soprattutto nel Mugello dove sono rimaste chiuse le scuole a Fiorenzuola e a Barberino del Mugello. Nella frazione di Traversa, località di Fiorenzuola, manca l’acqua a causa dal ghiaccio formatosi nelle condutture ed il deposito che rifornisce il paese necessita del riempimento con autobotti.

Neve a Roma, muore una clochard all’Eur. Notizie in diretta tempo reale

Luca Bresciani