BOLOGNA, 8 FEBBRAIO – Anziani stroncati da infarti, autotrasportatori bloccati nelle autostrade e morti per assideramento. E’ salito ad oltre 40 morti il numero delle vittime causate dall’ondata eccezionale di maltempo. Dieci solo nella giornata di ieri, due nella nostra Bologna. Un camionista di 62 anni colto da malore mentre tentava di far ripartire il suo mezzo alle porte della città, e un pensionato del Navile che spingeva l’auto bloccata in una lastra di ghiaccio e neve.

Il freddo killer ha uccisa una donna in provincia di Monza, dispersa nelle campagne brianzole. In Veneto un’anziana è morta cadendo nel Brenta nel tentativo di salvare il suo cane. Una lunga lista alla quale si aggiungono le vittime di incidenti stradali provocati dal ghiaccio.

Tra Rimini, Forlì e Cesena ci sono oltre 150 persone assistite nei centri di accoglienza. Situazione critica in Emilia Romagna dove il corpo della Forestale ha chiesto rinforzi per tamponare le emergenze del riminese. Forti disagi anche negli ospedali. Migliora il traffico autostradale, ma resta l’obbligo di transito con catene a bordo

Oggi temperature in aumento in tutta la regione, ma l’allerta meteo durerà per i prossimi dieci giorni. Il Blizzard, la nuova ondata di freddo proveniente dalla Russia, colpirà l’Emilia Romagna nella giornata di venerdì. Previste nevicata anche a quota di pianura e allarme rosso per il settore Adriatico.