TORINO, 23 GENNAIO – Il punto caldo della protesta del “Movimento dei Forconi” resta quello attorno a Torino. E’ scattata pochi minuti fa una manifestazione spontanea lungo corso Giulio Cesare, all’ingresso dell’A4. In città di registrano code di sette e dieci chilometri in corrispondenza dell’ingresso in tangenziale, mentre sull’allacciamento dell’A32 ce ne sono ben 17. Torino e il Piemonte sono la città e la regione che stanno subendo maggiori disagi.

LIVE

ORE 17.23 – TORINO RESPIRA
Si è conclusa, almeno per la giornata di oggi, la protesta degli autotrasportatori sulla tangenziale di Torino e all’imbocco dell’autostrada Torino-Milano. La circolazione è tornata scorrevole in entrambe le direzioni di marcia della tangenziale. I manifestanti non escludono nuove proteste nei prossimi giorni.
[ad#Juice 120 x 60][ad#Juice Overlay]

ORE 17.00 – CAOS AL CASELLO AUTOSTRADALE DI SALERNO
Un altro “hot spot” è Mercato San Severino, in provincia di Salerno, dove ormai 300 autotreni sono incolonnati su più file,in entrambi le direzioni, bloccando l’ingresso e le uscite dal casello autostradale.

Seguiranno aggiornamenti